Ultimo aggiornamento02:56:14 PM GMT

Sei qui: Sport

Lamborghini Super Trofeo: i calendari e le novità 2019

E-mail Stampa PDF

LAMBORGHINI PISTAFormat inedito per il Super Trofeo Middle East. Nuovi circuiti in Europa, Asia e America

Parte a febbraio da Dubai la stagione 2019 del Lamborghini Super Trofeo, il campionato monomarca che anche il prossimo anno si corre in tre diversi continenti. Molte le novità, con un format inedito per il Middle East e nuovi circuiti ad arricchire i calendari del Super Trofeo Asia, Europa e Nord America.

Due e non più tre i round in agenda nel Super Trofeo Middle East, con tre gare per ciascuna tappa da disputare su due weekend consecutivi, Dubai (14-16 febbraio) e Abu Dhabi (21-23 febbraio). Inoltre i vincitori di ciascuna classe saranno per la prima volta ammessi di diritto alle World Finals, apice della stagione sportiva di Sant'Agata Bolognese.

Importanti cambiamenti riguardano i calendari del Super Trofeo Nord America e del Super Trofeo Asia, che iniziano entrambi il 7 aprile. Negli Stati Uniti il monomarca parte per la prima volta dal Barber Motorsport Park di Birmingham (Alabama), in concomitanza con la storica tappa dell'IndyCar Series, capace di richiamare ogni anno oltre 100 mila appassionati. Cinque i round previsti sul continente americano, con il weekend del Barber Motorsport Park seguito dagli appuntamenti di Watkins Glen, Road America, Virginia International Raceway e Laguna Seca.

La Corea del Sud entra per la seconda volta nella storia del Super Trofeo Asia dopo la tappa di Inje 2013. Il Korean International Circuit di Yeongam, per quattro anni teatro del Gran Premio di Corea di Formula 1, ospita il quarto round, dopo Sepang (Malesia), Suzuka (Giappone), Fuji (Giappone) e prima di Shanghai (Cina).

Infine il Super Trofeo Europa: a Silverstone (Regno Unito), Misano Adriatico (Italia), Spa-Francorchamps (Belgio) e Nürburgring (Germania) si aggiunge l'inedito round di Zandvoort (Paesi Bassi), giro di boa della stagione.

Invariato il format dei weekend di gara per Asia, Europa e Nord America, con due manche da 50 minuti precedute da due turni di qualifica (da 20 minuti ciascuno) e due sessioni di prove libere (60 minuti ognuna). Tre, invece, le gare da 50 minuti previste per ogni round del Middle East: per stabilire la griglia di partenza della terza manche verranno sommati i tempi ottenuti da ciascuna vettura durante le sessioni di qualifica Q1 e Q2. Confermate le quattro classi per gli equipaggi partecipanti: Pro, Pro-Am, Am e Lamborghini Cup.

Lamborghini Super Trofeo – Calendari 2019

Middle East
Round 1 : Dubai – 15-16 febbraio
Round 2 : Abu Dhabi – 22-23 febbraio

Europe
Round 1 : Silverstone – 11-12 maggio*
Round 2 : Misano – 29-30 giugno*
Round 3 : Zandvoort – 13-14 luglio*
Round 4 : Spa-Francorchamps – 26-27 luglio*
Round 5 : Nürburgring – 31 agosto–1° settembre*
Round 6: TBD

* in abbinamento al Blancpain GT World Challenge Europe

Asia
Round 1 : Sepang – 06-07 aprile
Round 2 : Suzuka – 22-23 giugno
Round 3 : Fuji Speedway – 06-07 luglio
Round 4 : Yeongam - 04-05 agosto
Round 5 : Shanghai – 31 agosto-1° settembre
Round 6: TBD

Nord America
Round 1 : Barber Motorsport Park – 6-7 aprile
Round 2 : Watkins Glen – 28-29 giugno
Round 3 : Road America – 3-4 agosto
Round 4 : Virginia International Raceway – 24-25 agosto
Round 5 : Laguna Seca – 14-15 settembre
Round 6: TBD

World Final: TBD

Redazione

Lamborghini ancora Tricolore: Altoè e Zampieri campioni italiani Gran Turismo

E-mail Stampa PDF
LAMBORGHINI CAMPIONI ITALIANIPEGDopo avere conquistato il titolo della Blancpain GT Series Asia e quello IMSA GTD, la Lamborghini ha festeggiato per il secondo anno consecutivo il successo nel Campionato Italiano Gran Turismo, andando a segno tanto nella classifica Piloti che in quella Costruttori.
 
Secondo posto sotto la pioggia, nella conclusiva gara del Mugello, e trionfo "tricolore" per Giacomo Altoè e Daniel Zampieri, protagonisti durante tutta la stagione con la Huracán GT3 del team Antonelli Motorsport, che ha assicurato alla Casa di Sant'Agata Bolognese anche il titolo Costruttori. Un successo maturato anche grazie alla vittorie di Misano, Vallelunga e a quella più recente di Monza, che ha consentito al binomio della squadra emiliana di giungere in Toscana nelle vesti di leader. A queste bisogna aggiungere anche altri quattro podi. Sei invece le pole messe a segno, incluse quelle ottenute proprio al Mugello da Zampieri e Altoè, nell'ordine più veloci nelle due sessioni ufficiali del sabato.
 
Altoè, al suo debutto quest'anno nel campionato (18 anni compiuti a inizio ottobre e assieme a Zampieri pilota del programma giovani Lamborghini) è il più giovane ad avere conquistato il titolo nella storia del Campionato Italiano Gran Turismo.
 
"La conquista di questo secondo titolo italiano consecutivo, con cui abbiamo "onorato" il nostro mercato di casa, rappresenta un traguardo importante - ha dichiarato Giorgio Sanna, Head of Motorsport di Lamborghini - Con questo successo arriviamo a quota dieci campionati vinti tra Piloti e Team: il modo migliore per salutare la Lamborghini Huracán GT3 dopo tre anni di grandi affermazioni, in attesa dell'arrivo imminente nel 2019 della Huracán GT3 Evo".
 
"Sono felicissimo. Con questa gara si è conclusa una stagione molto tirata. Quello del Mugello è stato un weekend reso particolarmente complicato dalla pioggia, ma noi ed il team abbiamo fatto assieme un ottimo lavoro che ci ha portato ad ottenere questa vittoria", ha dichiarato Altoè.
 
"Vincere all'ultima gara, sotto la pioggia, cercando dall'inizio alla fine di non commettere il minimo errore, è qualcosa di straordinario. Abbiamo puntato fin da subito ad arrivare in fondo e finalmente possiamo festeggiare", ha aggiunto Zampieri.
 
Sempre al Mugello il team Antonelli Motorsport ha celebrato anche la conquista del titolo della Super GT Cup con Pietro Perolini e la Lamborghini Huracán Super Trofeo.

GT Open: finale di stagione al top per Lamborghini

E-mail Stampa PDF

LAMBORGHINI  VITTORIALamborghini chiude con una doppietta e due titoli la stagione dell'International GT Open. Fioravanti e Rizzoli (Ombra Racing) si sono imposti nella prima manche di Barcellona, Agostini e Breukers hanno vinto gara 2, contribuendo al successo del team Imperiale Racing che ha conquistato il titolo Team 2018. A questo si aggiunge il titolo di categoria AM conquistato da Lewandowski e Borlenghi.

Sabato da incorniciare per il marchio di Sant'Agata Bolognese al Montmeló, con Damiano Fioravanti e Andrea Rizzoli, quest'ultimo al rientro nella serie con Lamborghini, primi al traguardo al volante della Huracán GT3 n. 12 del team Ombra Racing, a precedere la Huracán n. 63 del team Imperiale affidata a Giovanni Venturini e Jeroen Mul. Da sottolineare anche il primo posto in solitaria nella categoria AM di Stefano Costantini al volante della Huracán GT3 n. 91 del team Target Racing.

Domenica è stata la volta di Riccardo Agostini e Rik Breukers, che hanno riscattato il quarto posto di gara 1 (a causa di una penalità di 5 secondi), con una meritata quanto combattuta vittoria ottenuta con la Huracán GT3 n. 25 Imperiale Racing. E mentre la scuderia modenese festeggia il titolo Team, Stefano Costantini ha bissato il successo in AM, precedendo al traguardo Andrej Lewandowski e Giulio Borlenghi, laureatisi campioni di classe con la Lamborghini della VS Racing.

Per Lamborghini è stato un weekend di soddisfazioni anche in Asia: Kimiya Sato e Yuya Motojima hanno centrato il secondo posto nel 7° round stagionale del Super GT giapponese in categoria GT300 con la Huracán GT3 del team Legal Frontier. CJ Huang si è confermato al top in categoria GTC del China GT al volante della Huracán Super Trofeo del team D2, vincendo già da campione l'ultima gara a Shanghai.

Redazione

Word Press Cycling Championship 2019: da oggi inizia il count-down

E-mail Stampa PDF

wpcc2019 presentazioneLa ventesima edizione del Campionato Mondiale di Ciclismo per Giornalisti si terrà in Italia,fra Treviso, Bassano del Grappa e Marostica dal 12 al 15 settembre 2019. Per il Veneto un'occasione unica e originale per mostrare al mondo dei media le eccellenze regionali

Treviso.Si chiamano World Press Cycling Championship, ed è la denominazione internazionale adottata per i campionati mondiali riservati ai giornalisti, coloro che per un giorno abbandonano la tastiera del computer per salire in sella a una bici per darsi battaglia a colpi di pedale.
Da quasi due decenni il WPCC assegna le maglie iridate per il mondo dei media e l'appuntamento per la prossima edizione sarà sulle strade del Veneto: dal 12 al 15 settembre 2019 nelle città di Treviso, Bassano del Grappa e Marostica.
«Un evento particolare che ha delle peculiarità originali, e proprio per questo abbiamo raccolto la sfida dell'organizzazione – ha commentato Enrico Cuman dell'organizzazione WPCC Veneto 2019 – e siamo convinti che la manifestazione, combinando aspetti agonistici ed elementi del territorio, possa far emergere le eccellenze della nostra regione».

TRE GIORNI DI GARE DAVVERO MONDIALI
Per la XX edizione dei Campionati Mondiali di Ciclismo per Giornalisti si aspettano circa 200 giornalisti provenienti da 20 diverse nazioni.
«Siamo felici di tornare in un'area dalla lunga e storica tradizione ciclistica» ha commentato Roberto Ronchi, presidente dell'Associazione Giornalisti Ciclisti Italiani.
«Dopo la cerimonia d'apertura 2019 prevista per giovedì 12 settembre, ci aspettano tre giorni di competizioni tra cronometro individuale, sprint su breve distanza e la prova in linea. Al termine di ognuna delle tre gare verranno assegnate le maglie iridate della stampa per le quattro categorie ammesse».

ORGANIZZAZIONE
La direzione di gara e tutti gli aspetti logistici sono affidati all'esperienza di Rino Piccoli e Angelo Striuli: il primo, storico organizzatore di competizioni ciclistiche sia su strada che in pista, mentre Angelo Striuli rappresenta una risposta di competenza e professionalità sul fronte dell'organizzazione fisica.

OBIETTIVO DUECENTO: VETRINA MEDIATICA PER IL VENETO
Oltre a essere un importante appuntamento sportivo, il XX World Press Cycling Championship rappresenta un'occasione unica per il Veneto di mettersi in mostra in una vetrina internazionale.
«Partendo con la promozione un anno prima e costruendo anche dei pacchetti di soggiorno per gli atleti e i loro accompagnatori, ci siamo posti l'obiettivo di raggiungere i duecento partecipanti – ha sottolineato Enrico Cuman – e in tal senso i WPCC rientrano tra i Grandi Eventi della Regione Veneto del 2019».
Alla presentazione non ha potuto partecipare il Governatore della Regione Veneto, Luca Zaia, che ha mandato un proprio saluto di sostegno all'iniziativa WPCC 2019. La manifestazione è in linea con il nuovo motto del turismo veneto "The Land of Venice", un progetto che vede la città lagunare come testimonial in tutto il mondo per promuovere l'intera regione.

Redazione

Campioni dei due mondi: Lamborghini fa il pieno di titoli in America e Asia

E-mail Stampa PDF

LAMBORGHINI TEAM 2Lamborghini conclude trionfalmente la stagione GT3 in Stati Uniti e Asia, facendo il pieno di titoli nell'IMSA GTD e nelle Blancpain GT Series Asia, coronamento degli importanti successi europei delle scorse stagioni con la Huracán GT3.

Il terzo posto di classe della Huracán n. 48 del team Paul Miller Racing alla Petit Le Mans di Road Atlanta, assicura per la prima volta a Lamborghini i titoli Piloti, Team e Costruttori nel campionato americano; il successo in gara 2 a Ningbo (Cina) della vettura n. 19 dell'FFF Racing Team by ACM, regala al marchio di Sant'Agata Bolognese il primato nelle classifiche Overall e Silver. Cui si aggiungono i titoli nelle categorie Team e ProAm, grazie alla vittoria di categoria della vettura n. 63.

Il primo successo di un weekend storico per Lamborghini è arrivato negli Stati Uniti, dove si correva l'ultimo round dell'IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Bryan Sellers e Madison Snow, affiancati da Corey Lewis, hanno concluso le 10 ore della Petit Le Mans al terzo posto nella categoria GTD, piazzamento più che sufficiente per conquistare il titolo piloti con cinque punti di distacco sugli inseguitori. Apice di un 2018 straordinario, iniziato con le vittorie alla 24 Ore di Daytona e alla 12 ore di Sebring, che hanno contribuito a conquistare i titoli team e costruttori.

Nel frattempo, dall'altra parte del mondo, andavano in scena l'ultimo round delle Blancpain GT Series Asia, terminato nel migliore dei modi per Lamborghini grazie alla vittoria nella seconda manche di Dennis Lind e Martin Kodric, suggellata dal successo di Hiroshi Hamaguchi e Marco Mapelli nella categoria ProAm. Sia per Lind che per Kodric, entrambi cresciuti nel vivaio Lamborghini Squadra Corse GT3 Junior Program, si è trattata di un'annata eccezionale, con tre vittorie (Suzuka, Shanghai e Ningbo) e altrettanti podi (Sepang, Buriram e Suzuka).

Stefano Domenicali, Chairman & Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini, dichiara: "Questi nuovi successi sono la dimostrazione dell'impegno delle donne e degli uomini che lavorano nel motorsport Lamborghini, così come della competitività della nostra vettura. Sono estremamente contento dei risultati ottenuti finora e voglio fare i miei complimenti a tutti i team e ai piloti. Ma come sempre nello sport bisogna guardare al futuro e ciò che si è vinto fa già parte del passato. In questa stagione siamo ancora in lotta per la vittoria in altri campionati e abbiamo nuovi obiettivi per cui combattere nel 2019 con la Huracán GT3 EVO".

Giorgio Sanna, Head of Lamborghini Motorsport, commenta: "Quello appena concluso è un altro weekend memorabile per Lamborghini Squadra Corse e la Huracán GT3. Vincere il campionato asiatico e conquistare tre titoli in America, che si aggiungono alle storiche vittorie di Daytona e Sebring nella stessa stagione, dà la dimensione dell'impresa compiuta, che dedichiamo a tutta la nostra gente che lavora a Sant'Agata Bolognese".

Il Lombardia in Como, oltre al grande ciclismo un week-end di iniziative per sportivi e famiglie

E-mail Stampa PDF

FOTO IL LOMBARDIAIl grande ciclismo con il Giro di Lombardia sta per arrivare a Como e Como per l'occasione ha organizzato una serie di iniziative legate allo sport, alla cultura ed al cibo, una sarta di cornice alla kermesse che sicuramente richiamerà il favore degli appassionati di sport e di tante famiglie.
Il programma del week-end, che riportiamo a seguito, è stato presentato ieri mattina in conferenza stampa nella sala Giunta del Comune di Como (palazzo Cernezzi) alla presenza degli assessori al Turismo Simona Rossotti e allo Sport Marco Galli.

La proposta culturale

Proprio il 13 ottobre sarà la Giornata del Contemporaneo in concomitanza con la manifestazione. La coincidenza è stata trasformata in un'occasione di offerta culturale nella nostra città con l'ingresso gratuito ai musei civici (Museo archeologico, Pinacoteca, Tempio Voltiano) e alle mostre in corso:

- Giuseppe Terragni per i bambini: l'Asilo Sant'Elia (Pinacoteca, 10.00 – 18.00)
Una mostra sull'Asilo Sant'Elia, capolavoro dell'architettura razionalista comasca progettato da Giuseppe Terragni a partire dal 1934 e realizzato nel 1936, che nasce dal ritrovamento nei depositi della Pinacoteca e dell'Asilo di alcuni arredi d'epoca, a misura di bambino, in parte realizzati su disegno dello stesso Terragni. Da qui la scelta di presentarli al pubblico – dopo un attento lavoro di recupero e restauro - riuniti insieme per la prima volta, permettendo al visitatore di meglio comprendere un tema estremamente accattivante e attuale come l'ideazione di uno spazio collettivo per l'infanzia.

- I luoghi dell'industria. Omaggio a Mimmo Rotella (Broletto, 10.00 - 19.00)
L'opera "I luoghi dell'industria" sarà di nuovo protagonista nell'allestimento al Broletto che inaugurerà proprio sabato 13 ottobre alle 17,30. Nella splendida sede comasca, il grande telo di questa sovrapittura di Rotella rinasce grazie all'intervento di lighting di Murano, accompagnata dalle immagini che mostrano l'artista in azione e dalla voce narrante dello stesso Mimmo Rotella che recita alcune della sue poesie fonetiche.

- Cinque scultori comacini raccontano (San Pietro in Atrio, 10.30 - 12.30, 15.00 - 19.30)
"CINQUE SCULTORI comacini RACCONTANO" la loro esperienza scultorea ed espongono a San Pietro in Atrio opere realizzate con i materiali lapidei del lago di Como, in dialogo con pietre e marmi provenienti da altre regioni. Gli scultori sono: Bruno Luzzani, Vito Valentino Cimarosti, Massimo Clerici, Fabio Ceschina, Alcide Gallani.

- Streetscape (Musei e in città)
Mostra di Street Art e Urban Art nelle piazze e nei cortili della città. Artisti contemporanei invadono la città con sculture e installazioni urbane in dialogo con gli spazi pubblici di Como. A cura di Chiara Canali e Ivan Quaroni, organizzata dall'associazione Culturale Art Company in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Como.

- Miniartextil (Spazio Ratti, accesso gratuito dalle 21 alle 24)
Dal 1991 una rassegna annuale d'arte contemporanea con la migliore produzione di Textile Art o Fiber Art. La nuova edizione va immaginata in una chiave di apertura e dialogo costante con l'uomo e i suoi pensieri, i suoi desideri, le sue idee, gli ideali e gli idoli, le sue volontà.
Non solo nell'idea di apertura all'altro, ma nello sforzo di provare a intravvedere qualcosa che vada oltre l'uomo, oltre noi stessi, con l'arte contemporanea come unico strumento a disposizione, o, ancora meglio, con la fiber art contemporanea.

Intorno a Il Lombardia

Nell'area dell'arrivo e in alcuni punti della città parteciperanno i personaggi del Palio del Baradello, in particolare l'imperatore assisterà al taglio del traguardo.

Dopo l'esperienza positiva della rinnovata Fiera di Sant'Abbondio, Coldiretti torna con i prodotti del Mercato Campagna Amica con il brand Fiera di Sant'Abbondio. Sarà offerta una degustazione a bordo dell'Orione per gli ospiti della Coffee Station che potranno meglio conoscere alcune tipicità d'eccellenza della terra lariana e la tradizionale Fiera di Como che li promuove.

Il Giro di Lombardia diventa anche un'occasione solidale. L'organizzazione e l'amministrazione comunale hanno scelto di promuovere l'iniziativa della parrocchia Sant'Antonio di Padova di Como a sostegno dei francescani conventuali: stanno ospitando centinaia di persone rimaste senza casa dopo le gravi inondazioni che hanno colpito lo stato del Kerala in India.

Il team Bahrain Merida si fermerà a Como altri due giorni dopo il giro di Lombardia per il primo ritiro della stagione 2019, in accordo con il general manager della squadra Brent Copeland e con gli assessori al Turismo e allo Sport del Comune di Como Simona Rossotti e Marco Galli. Saranno presenti i nuovi corridori entrati in squadra, oltre a Nibali e Pozzovivo, che potranno conoscere meglio lo staff tecnico/medico e redigere una prima bozza di programma della stagione futura.

Il Museo del Ghisallo festeggia il 14 ottobre 2018 i suoi 12 anni di attività e ha in serbo una serie di
eventi culturali per questo #OttobrealGhisallo che si intitola anche Aspettando Il Lombardia: la
classica delle foglie morte è l'emblema del Museo e lo spirito di questi luoghi che trasudano
ciclismo di ieri e di oggi.

Il 13 ottobre, con passaggio del Giro di Lombardia dal Ghisallo, il museo propone una mostra fotografica e una audio fonica che ripercorre la storia della gara. Gli scatti sono tratti dalla mostra in bianco e nero di Gianni Torriani per il Museo, la rassegna da ascoltare gode invece dei contributi ai testi di Giovanni Battistuzzi con la voce di Riccardo Magrini.

Ci sarà anche una mostra fotografica sulla figura indimenticabile di Vincenzo Torriani (dall'archivio della famiglia Torriani) e un'altra esposizione di scatti dedicata ai mondiali di paraciclismo a cura di Carlo Ottolina, che dal prossimo anno avrà una sezione dedicata al Museo.

Il Giro di Lombardia sarà trasmesso in diretta dentro al museo dando così l'opportunità ai visitatori di seguire le fasi salienti della corsa. In tarda mattinata ci sarà anche una parentesi artistica con il pittore-ciclista Miguel Garcia Soro, che dona al Museo un suo quadro come testimonianza di gratitudine al Ghisallo, dove ha esposto per la prima volta in occasione dei campionati italiani giornalisti ciclisti. Il lavoro è stato fatto live al Museo del Ghisallo e resterà per sempre nella casa dei ciclisti come la chiamava Fiorenzo Magni, il suo fondatore.

Domenica 14 ottobre 2018, giorno del compleanno del Museo del Ghisallo e della Gran Fondo Il Lombardia, a tutti gli iscritti e a un accompagnatore è concesso un biglietto ridotto (50%) per la visita al museo. Sarà una giornata intensa per il Museo poiché è la Giornata Nazionale delle Famiglie (Famu) al museo con nel pomeriggio visite guidate e giochi per i bambini.

Lago di Como, terra di ciclismo

Como si conferma meta privilegiata per i bikers di ogni nazionalità e specializzazione, grazie al fascino unico dei panorami che offre il lago incorniciato tra le Prealpi lombarde. Si sta sviluppando pertanto una rete di offerte e servizi che incentivano le presenze in questo particolare comparto turistico.

Nel pieno centro di Como, in via Pretorio, ha aperto il primo bike cafè, la Sartoria Ciclistica. In loco si trova anche una selezione di accessori, abbigliamento, gadget e riviste dedicati al ciclismo.
Sono già avviati due bike hotel, l'Hotel Il Perlo Panorama (Bellagio) e il Lake Como Peace Lodge (Menaggio), oltre agli hotel bike friendly (Hotel Como - Lago di Como, via Mentana 28 a Como, Hotel Centrale - Lago di Como, via Regina 39 a Cernobbio, Hotel Cruise - Lago di Como, via Giosuè Carducci, 3 a Montano Lucino).

Per quanto riguarda i percorsi, non si contano quelli suggeriti e ampiamente mappati.

La Greenway del Lago di Como è una piacevole passeggiata che ci porta alla scoperta di antichi borghi, ville e giardini, chiese romaniche e barocche, immersi nell'incantevole paesaggio naturale della sponda occidentale del Lario. Un itinerario di circa 11 km che attraversa i comuni di Colonno, Sala Comacina, Tremezzina e Griante, seguendo a tratti l'antica Via Regina. La passeggiata è adatta a tutti ed è percorribile interamente in circa 3 ore e mezza o a tappe, con possibilità di fare delle brevi deviazioni dal percorso per visitare una delle tante attrazioni del territorio.

Come indica il portale comobiketours.com, non mancano le proposte per gli amanti della bici da strada.

Pedala e Naviga verso Bellagio
Distanza: 60 km
Dislivello Salita: 500 m
Durata: ~3 ore
Descrizione: 
Un rilassante itinerario di 60 km senza salite, dove gli obiettivi principali sono i panorami. Si inizia a pedalare sulla costa occidentale e, a metà del tragitto, si attraversa il lago in barca, un'occasione per vivere il lago nella sua essenza: l'acqua. Dopo aver visitato Bellagio ed una pausa caffè si torna al punto di partenza pedalando sulla costa orientale.

Ghisallo & Muro di Sormano
Distanza: ~80 km
Dislivello Salita: ~1800 m
Durata: 4-5 ore
Descrizione:
Non perdere l'opportunità di pedalare sulle salite chiave della famosa grande classica per professionisti "Giro di Lombardia". In cima al Ghisallo merita visitare il museo del ciclismo che detiene la più vasta collezione di maglie rosa ed illustra la storia del ciclismo dal 1900. Una meritata sosta prima di affrontare l'incredibile "Muro di Sormano": nonostante la sua lunghezza sia inferiore ai 2 km, la sua pendenza media del 17% con picchi che sfiorano il 25% lo rendono la pista ciclabile più dura del mondo.

Strada Costiera & "Giro del Lago"
Distanza: 165 km
Dislivello Salita: 1300 m
Durata: 6 ore +
Descrizione:
La strada costiera del Lago di Como è un indimenticabile viaggio attraverso caratteristici paesini ed offre continuamente bellissimi scorci sull'acqua. La lunghezza dell'itinerario è totalmente personalizzabile ma, se si vuole percorrerlo per intero, il giro del lago completo è una straordinaria pedalata di 165 km.

Val d'Intelvi & Lago di Lugano
Distanza: 90 km
Dislivello Salita: 1200 m
Durata: 4-5 ore
Descrizione:
Questo itinerario di 90 km costeggia due laghi: il Lago di Como ed il Lago di Lugano, include una parte di salita medio facile che porta nella verde Val d'Intelvi. Il tour continua in territorio Svizzero con panorami suggestivi sul lago.

Rifugio Venini
Distanza: ~95 km
Dislivello Salita: ~2200 m
Durata: 6 ore +
Descrizione:
Un lungo e impegnativo itinerario dedicato completamente alla salita. Una volta raggiunto il paese di Argegno (220 m s.l.m.) la strada inizia a salire attraverso valli verdi e tranquille per portare ai 1576 m di quota del Rifugio Venini. Durante il tragitto ci sono diversi punti panoramici mentre la vista dalla cima è un'incredibile fotografia sul Lago di Como e sulle sue montagne. Questo tour può anche essere semplificato eliminando la prima salita ma giungendo comunque in vetta.
Val Mara & Orimento
Distanza: 90 km
Dislivello Salita: 1500 m
Durata: 4-5 ore
Descrizione:
Due belle salite consecutive per un itinerario di 90 km. La Val Mara è una salita dura in territorio Svizzero con un ultimo tratto al 18% ed una serie di caratteristici tornanti. Scollinando, si affronta una sezione facile per poi risalire ai 1276 m del piccolo villaggio alpino di Orimento. La via del rientro percorre la strada costiera del Lago di Como.

In foto  la presentazione dell'evevto presso il Comune di Como

 

Lamborghini Squadra Corse: i Factory Driver 2019

E-mail Stampa PDF

LAMBORGHINI MAPELLILamborghini Squadra Corse annuncia i Factory Driver per la stagione 2019. Confermati Mirko Bortolotti (campione Blancpain GT Series 2017 e vincitore della 24 Ore di Daytona 2018), Andrea Caldarelli (campione Blancpain GT Series 2017), Marco Mapelli - in foto - (detentore del record al Nürburgring-Nordschleife con l'Aventador SVJ) e Giovanni Venturini (campione GT Open 2017), che saranno impegnati nei più prestigiosi campionati internazionali al volante della nuova Huracán GT3 EVO, presentata al Nürburgring lo scorso 15 settembre.

A loro si aggiungono due importanti new entry, il britannico Phil Keen e il francese Franck Perera. Nato a Reading il 20 ottobre 1983, Keen si è laureato vicecampione nel British GT nel 2017 e nel 2018: nella stagione appena conclusasi ha conquistato due vittorie al volante della Huracán GT3 numero 33 del team Barwell Motorsport. Nato a Montpellier il 21 marzo 1984, Perera si è distinto in numerosi campionati per vetture a ruote scoperte, così come in quelli riservati alle GT: all'inizio del 2018 ha vinto la 24 Ore di Daytona al volante della Lamborghini Huracán GT3 numero 11 del Grasser Racing Team.

Raffaele Giammaria viene confermato nel ruolo di collaudatore e coordinatore del Young Driver Program e del GT3 Junior Program. E proprio nell'ambito della crescita professionale dei giovani talenti, Lamborghini Squadra Corse organizzerà entro la fine dell'anno uno shootout, a cui parteciperanno i più promettenti piloti del programma GT3 che si sono messi in evidenza nel corso della stagione. Il migliore riceverà il supporto di Lamborghini Squadra Corse nel corso del 2019.

Lamborghini Squadra Corse annuncia inoltre che Christian Engelhart non sarà più un Factory Driver di Sant'Agata Bolognese.

Giorgio Sanna, Head of Motorsport Lamborghini, dichiara: "Abbiamo il piacere di annunciare i nostri Factory Driver, che nel 2019 andranno a supportare con la loro esperienza i customer team GT3 impegnati nei campionati GT più prestigiosi al mondo. Do il benvenuto in Squadra Corse a Franck e Phil: nelle ultime stagioni entrambi hanno dimostrato di avere la velocità e l'attitudine che Lamborghini si aspetta da un pilota ufficiale".

Redazione

Gp del Giappone: Un super Hamilton conquista la pole numero 80

E-mail Stampa PDF

HamiltonlTeam Mercedes, il segreto della strategia perfetta
Suzuka. Possiamo definirle le qualifiche perfette per il Team Mercedes che domani schiererà le monoposto di Hamilton e Bottas in prima fila. Una giornata che, nonostante le dinamiche strategiche dettate dal meteo, ha riconfermato un superlativo Hamilton che coglie la pole numero 80. Al terzo posto partirà Verstappen con la Red Bull davanti alla Ferrari di Raikkonen. Vettel partirà in quarta fila con l'ottavo tempo.

Redazione

Giro delle Marche in Rosa: festa azzurra con Elisa Longo Borghini a Offida

E-mail Stampa PDF

Giro delle Marche 2018 Offida vittoria Longo Borghini -  Foto F.OSSOLA Spettacolo puro sulle colline di Offida dove è andato in scena il secondo atto del Giro delle Marche in Rosa nel segno dei colori azzurri con l'affermazione in solitaria della piemontese Elisa Longo Borghini (Wiggle High5): la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Rio 2016 è stata la grande protagonista di questa frazione mettendosi alle spalle la veneta Sofia Bertizzolo (GS Fiamme Oro) e l'altra piemontese Anna Ceoloni (SC Michela Fanini) in un podio tutto italiano che ha fatto da straordinaria cornice sul piano sportivo e turistico-promozionale a Offida, la "città del merletto" annoverata tra i Borghi più belli d'Italia.

Sono state 79 le partenti di questa seconda giornata con l'organizzazione generale della Born to Win in sinergia con la Società Cicloamatori Offida. Degna di nota tra le partenti, la presenza di due atlete marchigiane doc: Anastasia Carbonari (di Montegranaro) della Born to Win e Sara Grifi (di Capodarco) che ritorna protagonista in una gara su strada da specialista pura della mountain bike in forza al GC Capodarco-Comunità di Capodarco.

Un inizio di gara segnato dallo scatto di Glory Odiase (Nigeria): una bella vetrina per tutta la nazionale nigeriana presente al Giro delle Marche in Rosa che partecipa per la prima volta in assoluto in una gara europea (insieme a Odiase gareggiano con la maglia della nazionale anche Adejoke Durogbade, Tombrapa Gripka, Ese Ukpeseraye e Rose Mary Marcus).

Altra breve fuga per Alessia Dal Magro (SC Michela Fanini) che ha fatto da preludio al primo traguardo volante di Ponte Tesino (primo posto di Rachele Barbieri della Wiggle High5). Successivamente in avanscoperta Bertizzolo e Giulia Marchesini (Aromitalia Vaiano) attaccando in un tratto di sterrato che hanno preceduto lo svolgimento del secondo traguardo volante (Ponte Tesino) ad appannaggio ancora di Barbieri.

La campionessa del mondo su pista (scratch) 2017 è stata la protagonista di un nuovo tentativo di fuga assieme ad altre dodici atlete: Bertizzolo, Marchesini, Carbonari, Emilia Matteoli (Aromitalia Vaiano), Natalia Studenikina (Russia), Ana Maria Covrig (Eurotarget Bianchi Vitasana), Anna Ceoloni (SC Michela Fanini), Maja Perinovic (Cro, Top Girls Fassa Bortolo), Sofia Beggin (Rappresentativa FCI Veneto), Francesca Baroni (Vallerbike), le plurimedagliate su pista Vittoria Guazzini (Zhiraf Guerciotti Selle Italia) e Gloria Scarsi (Valcar Pbm).

Terminati i sei giri pianeggianti tra Ponte Tesino e Santa Maria Goretti, la risalita verso Offida ha selezionato ulteriormente il drappello delle tredici fuggitive con Bertizzolo e due volte Elisa Longo Borghini (Wiggle High5) ad aggiudicarsi i tre gran premi della montagna posti nel cuore del centro storico offidano in Piazza del Popolo.

Nel corso dell'ultima ascesa verso il traguardo, il forcing di Longo Borghini è stato decisivo ai fini del successo (il secondo stagionale dopo la medaglia d'oro ai Giochi del Mediterraneo disputati a Tarragona in Spagna) ed anche per la conquista della classifica a punti. Staccata di una dozzina di secondi una grintosa Bertizzolo (recentemente vincitrice della classifica under 23 dell'UCI Women's World Tour). La vera sorpresa di giornata è stata Ceoloni che ha conquistato il terzo posto anticipando di una manciata di secondi Angelica Brogi (Aromitalia Vaiano). Settima posizione all'arrivo per Camilla Alessio (Team Lady Zuliani), la migliore delle juniores/under 20 davanti a Barbara Malcotti della Valcar Pbm (nona) e a Guazzini (decima).

Longo Borghini conquista la maglia rosa di leader della classifica a punti, quella verde del gran premio della montagna è sulle spalle di Dalia Muccioli della Valcar Pbm (19.ma al traguardo). A Barbieri la maglia azzurra dei traguardi volanti mentre Malcotti si riconferma leader delle giovani under 20 in maglia bianca.

Credit Fotografico: Flaviano Ossola

 

ORDINE D'ARRIVO OFFIDA-OFFIDA

1. Elisa Longo Borghini (Wiggle High5) 87,3 chilometri in 2.22'23" media 36,788 km/h

2. Sofia Bertizzolo (GS Fiamme Oro) a 12"

3. Anna Ceoloni (Sc Michela Fanini) a 2'17"

4. Angelica Brogi (Aromitalia Vaiano) a 2'23"

5. Monika Kiraly (Sc Michela Fanini) a 2'35"

6. Rasa Leleivyte (Ltu, Aromitalia Vaiano) a 2'49"

7. Camilla Alessio (Team Lady Zuliani) a 2'51"

8. Ana Maria Covrig (Eurotarget - Bianchi - Vitasana) a 2'54"

9. Barbara Malcotti (Valcar Pbm) a 2'57"

10. Vittoria Guazzini (Zhiraf Guerciotti Selle Italia) a 4'09"

11. Natalia Studenikina (Russia)

12. Giulia Marchesini (Aromitalia Vaiano)

13. Silvia Magri (Rappresentativa FCI Veneto)

14. Lara Vieceli (Rappresentativa FCI Veneto)

15. Kseniia Tcymbaliuk (Russia)

16. Arianna Fidanza (Eurotarget - Bianchi - Vitasana)

17. Matilde Vitillo (Racconigi Cycling Team)

18. Asja Paladin (Valcar Pbm)

19. Dalia Muccioli (Valcar Pbm)

20. Simona Bortolotti (Zhiraf Guerciotti Selle Italia)

21. Gloria Nardi (Speedy Women Team)

22. Aleksandra Stepanova (Russia)

23. Lisa De Ranieri (Aromitalia Vaiano)

24. Greta Marturano (Sc Michela Fanini)

25. Chiara Perini (Top Girls - Fassa Bortolo)

26. Nadia Quagliotto (Top Girls - Fassa Bortolo)

27. Emilia Matteoli (Aromitalia Vaiano)

28. Laura Tomasi (Top Girls - Fassa Bortolo)

29. Silvia Pollicini (Valcar Pbm)

30. Sofia Chirkova (Russia)

31. Amiliya Iskakova (Kazakistian)

32. Francesca Baroni (Vallerbike)

33. Maja Perinovic (Top Girls - Fassa Bortolo)

34. Sofia Beggin (Rappresentativa FCI Veneto)

35. Rachele Barbieri (Wiggle High5)

36. Caris Cosentino (Born to Win)

37. Sara Grifi (GC Capodarco-Comunità di Capodarco)

38. Maria Rostovtseva (Nazionale Russia)

39. Arianna Sessi (Tre Colli - Chirio)

40. Makhabbat Umutzhanova (Kazakistan)

41. Anastasia Carbonari (Born to Win)

42. Vittoria Reati (Born to Win)

43. Debora Silvestri (Eurotarget - Bianchi - Vitasana)

44. Alexandra Goncharova (Nazionale Russia)

45. Rinata Sultanova (Kazakistan)

46. Federica Severi (Vallerbike)

47. Matilde Foggi (Vallerbike)

48. Silvia Folloni (Zhiraf Guerciotti Selle Italia)

CLASSIFICA GENERALE A PUNTI (MAGLIA ROSA)

1. Elisa Longo Borghini (Wiggle High5) 35 punti

2. Angelica Brogi (Aromitalia Vaiano) 22

3. Sofia Bertizzolo (GS Fiamme Oro) 21

4. Dalia Muccioli (Valcar Pbm) 20

5. Monika Kiraly (Hun, Sc Michela Fanini) 18

6. Anna Ceoloni (Sc Michela Fanini) 12

7. Barbara Malcotti (Valcar Pbm) 10

8. Rasa Leleivyte (Ltu, Aromitalia Vaiano) 6

9. Kseniia Tcymbaliuk (Russia) 5

10. Camilla Alessio (Team Lady Zuliani) 5

11. Ana Maria Covrig (Eurotarget - Bianchi - Vitasana) 3

12. Beatrice Rossato (Top Girls – Fassa Bortolo) 3

13. Lisa De Ranieri (Aromitalia Vaiano) 2

14. Vittoria Guazzini (Zhiraf Guerciotti Selle Italia) 1

15. Lara Vieceli (Rappresentativa FCI Veneto) 1

CLASSIFICA GRAN PREMIO DELLA MONTAGNA (MAGLIA VERDE)

1. Dalia Muccioli (Valcar Pbm) 30 punti

2. Elisa Longo Borghini (Wiggle High5) 27

3. Sofia Bertizzolo (GS Fiamme Oro) 24

4. Anna Ceoloni (SC Michela Fanini) 17

5. Kseniia Tcymbaliuk (Russia) 14

6. Natalia Studenikina (Russia) 10

7. Angelica Brogi (Aromitalia Vaiano) 5

8. Ana Maria Covrig (Eurotarget Bianchi Vitasana) 5

CLASSIFICA TRAGUARDI VOLANTI (MAGLIA AZZURRA)

1. Rachele Barbieri (Wiggle High5) 20 punti

2. Sofia Bertizzolo (GS Fiamme Oro) 15

3. Maja Perinovic (Cro, Top Girls Fassa Bortolo) 12

4. Dalia Muccioli (Valcar Pbm) 10

5. Giulia Marchesini (Aromitalia Vaiano) 7

6. Ana Maria Covrig (Eurotarget - Bianchi - Vitasana) 7

7. Giorgia Bariani (Rappresentativa FCI Veneto) 7

8. Natalia Studenikina (Russia) 5

9. Anna Ceoloni (SC Michela Fanini) 5

CLASSIFICA GIOVANI UNDER 20 (MAGLIA BIANCA)

1. Barbara Malcotti (Valcar Pbm) 17 punti

2. Camilla Alessio (Team Lady Zuliani) 10

3. Giorgia Bariani (Rappresentativa FCI Veneto) 7

4. Anastasia Carbonari (Born To Win) 5

5. Vittoria Guazzini (Zhiraf Guerciotti Selle Italia) 5

6. Maja Perinovic (Top Girls - Fassa Bortolo) 3

7. Silvia Magri (Rappresentativa FCI Veneto) 3

8. Matilde Vitillo (Racconigi Cycling Team) 2

9. Francesca Baroni (Vallerbike) 2

Pagina 1 di 31