Ultimo aggiornamento08:23:10 AM GMT

Sei qui: Enogastronomia Articoli Dal Vinitaly 2018 è partita la REgeneration Emilia Romagna

Dal Vinitaly 2018 è partita la REgeneration Emilia Romagna

E-mail Stampa PDF
VINITALY 2018

Partita l'edizione 2018 del Vinitaly di Verona. L'Emilia Romagna è subito protagonista e il pubblico ha affollato il Padiglione 1. Complice la rinomata ospitalità che da sempre caratterizza i produttori emiliano romagnoli, la qualità dei suoi vini ma anche la nuova veste di tutto il Padiglione 1, che propone grafiche (anche nella facciata esterna) e allestimenti che richiamano la natura e con essa il benessere e la voglia di rigenerarsi. "REgeneration Emilia Romagna" è, infatti, il nuovo motto che accompagnerà la nostra regione vitivinicola, e non solo, in giro per il Mondo, a partire proprio dal Vinitaly.

«Con questa edizione del Vinitaly l'Emilia Romagna si presenta con un brand importante in ottica futura – spiega Pierluigi Sciolette, Presidente di Enoteca Regionale - Sostenibilità, ecocompatibilità e rispetto ambientale sono direttrice cardine per la vitivinicoltura del futuro. Salvaguardare il territorio, e con esso le attività economiche, sono prerequisiti per l'enologia del futuro. Lo abbiamo fatto e scelto come cornice complessiva dell'organizzazione del padiglione 1. Ma non solo. Un padiglione che sa far squadra e che condivide l'impostazione in ogni sua forma e presenza con le oltre 200 aziende e realtà vitivinicole che lo animano».

Prosegue Ambrogio Manzi, Direttore di Enoteca Regionale: «Il nuovo allestimento rientra appieno nella logica della eco sostenibilità. La REgeneration non è quindi solo un logo e uno slogan ma una vera e propria direttrice. Creare un circolo virtuoso che guardi all'ambiente come valore unico e condiviso che sappia trasmettere i valori della qualità della vita e del benessere che si possono respirare in Emilia-Romagna. Dobbiamo puntare sempre di più sulla sostenibilità, in ogni forma e sostanza possibile, e come Enoteca Regionale in questo Vinitaly lo stiamo ribadendo con forza».

Redazione