Ultimo aggiornamento08:02:43 AM GMT

Sei qui: Cultura e Spettacolo Articoli Sasso Marconi: la stagione teatrale 2019-20 parte domani con il teatro dialettale

Sasso Marconi: la stagione teatrale 2019-20 parte domani con il teatro dialettale

E-mail Stampa PDF

La rassegna dialettale "Un bèl Casein" prende il via domani, 31 ottobre, con la commedia "Un maré buseder" mentre il cartellone di prosa "Ridere è una cosa seria" parte il 7 novembre con "The DEI after" di Teatro Ringhiera (campagna abbonamenti per il teatro di prosa aperta domani sera e sabato 2 novembre)

Tutto è pronto a Sasso Marconi per l'apertura della stagione teatrale 2019/20, due sono i cartelloni predisposti dall'Assessorato alla Cultura della Comune.

Il primo è dedicato al dialetto, con la 19ª edizione della rassegna "Un bèl Casein" che parte domani, 31 ottobre, con la commedia "Un maré buseder" della compagnia Al nostar dialatt (Teatro comunale, ore 21). La rassegna prosegue poi fino a febbraio con altri sei spettacoli portati in scena da compagnie bolognesi già conosciute dal pubblico (Arrigo Lucchini, Bruno Lanzarini, Marco Masetti) e altre compagnie di più recente costituzione (Nuovi Felsinei, Gloria Pezzoli, Compagnia del Corso). Le situazioni e le tematiche trattate sono quelle tipiche della commedia bolognese: intrighi familiari, intrecci sentimentali ed equivoci... sette appuntamenti da non perdere per gli appassionati cultori del dialetto!

Inizio spettacoli ore 21 - Biglietto d'ingresso: 10 €

Il secondo cartellone - "Ridere è una cosa seria" -, predisposto in collaborazione con l'associazione "Cà Rossa", propone invece un percorso di ricerca all'interno dell'universo teatrale, alla (ri)scoperta del ruolo sociale e delle tante sfaccettature del mestiere d'attore. In questa sua sesta edizione, "Ridere è una cosa seria" presenta sette appuntamenti, uno per mese da Novembre a Maggio così declinati: satira di genere con "The DEI after" (lo spettacolo che il 7 novembre apre la rassegna), linguaggio e tipi della Commedia dell'Arte (con spettacoli come "Il malato immaginario, l'ultimo viaggio" e " La pazzia di Isabella") e teatro civile di nuova drammaturgia (è il caso di "Nessuna pietà per l'arbitro"). Nella sua seconda parte, da marzo a maggio, la rassegna apre una finestra sull'artigianato teatrale del territorio: Teatrino Giullare propone "Menelao", il laboratorio teatrale di CopAps torna con "Macbeth, il balletto del potere", mentre l'Opificio d'Arte Scenica rilegge "La Tempesta" di William Shakespeare in "Tempoest". la produzione dei teatranti di casa nostra è dunque protagonista da marzo a maggio, per una primavera di teatro a Km.0.

Ad inaugurare la rassegna sarà - giovedì 7 novembre - THE DEI AFTER, una nuova produzione di ATIR Teatro Ringhiera per la regia di Rita Pelusio. Si tratta di uno spettacolo in cui tre improbabili figure divine (Zeus, Efesto ed Ermes, divinità maschili rilette in chiave grottesca e interpretate da tre donne), danno vita a un confronto comico destinato a smontare miti e certezze dell'universo maschile attraverso un susseguirsi di dialoghi serrati, giochi linguistici e gag.

Inizio spettacoli ore 21.15 - Biglietto d'ingresso: 10 € (ridotto 5 € per gli under 18)

E' ancora possibile sottoscrivere l'abbonamento alla stagione teatrale "Ridere è una cosa seria" nelle giornate di giovedì 31 ottobre (ore 20-21.30 presso il Teatro comunale) e sabato 2 novembre dalle 9 alle 12 c/o l'ufficio comunale "@TUxTU Comunica".
L'abbonamento costa 60 € ma è prevista la riduzione a 40 € per gli abbonati alla stagione dialettale "Un bèl Casein", per gli under 35 e i possessori di "YoungER Card"

Tutti gli spettacoli si svolgono al Teatro comunale di Sasso Marconi (Piazza dei Martiri 5). Fa eccezione il solo "Tempoest", spettacolo che a maggio 2020 chiude la rassegna "Ridere è una cosa seria" e che andrà in scena nelle sale di Villa Davia, al Borgo di Colle Ameno.

Redazione