Ultimo aggiornamento08:03:43 AM GMT

Sei qui: Cultura e Spettacolo

Al Teatro Duse di Bologna dal 7 al 9 febbraio in scena "Dracula"

E-mail Stampa PDF

Dracula DSC ph. Filippo ManziniSul palco Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini

Dopo il grande successo di 'Delitto/Castigo', Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini tornano insieme sul palco del Teatro Duse di Bologna con 'Dracula', tratto dal celebre romanzo epistolare di Bram Stoker. Lo spettacolo va in scena dal 7 al 9 febbraio (venerdì e sabato alle ore 21, domenica alle 16) nell'adattamento teatrale di Carla Cavalluzzi e Sergio Rubini, per la regia dello stesso Rubini, che interpreta il ruolo del professor Van Helsing.
'Dracula' è prima di tutto un viaggio notturno verso l'ignoto, tra lupi che ululano, grandi banchi di foschia e croci ai bordi delle strade, ma è anche il viaggio interiore che il giovane procuratore londinese Jonathan Harker (Luigi Lo Cascio) compie in Transilvania per curare l'acquisto di un appartamento a Londra da parte di un nobile del luogo: il Conte Dracula.
Il giovane avvocato non immagina la sciagura che lo attende, ma appena inizia il suo viaggio, sprofonda immediatamente in un clima di mistero e scongiuri, illusione, oscurità e paura che lo avvolgerà ancora prima di conoscere il Conte. Ad Harker basterà solo avvicinarsi al cancello del Castello per capire di essere finito in una tomba, come chi sopraggiunge alle porte dell'Ade.
Ma il viaggio del giovane Harker non si limita a quell'esperienza fatta di angoscia e paura. L'orrore di ciò che ha vissuto al Castello deborda e inghiotte tutta la sua esistenza; diventa un'ossessione che contamina tutto ciò che ha di più caro, destabilizzando irrimediabilmente ogni sua certezza. Di questo contagio è vittima in primo luogo sua moglie Mina, alla quale Jonathan, inizialmente, non ha il coraggio di raccontare quanto accaduto.
È dalla lettura del diario, redatto durante il soggiorno-prigionia di Jonathan al Castello, che Mina scopre l'origine dello strano malessere che si è impossessato del suo giovane sposo e lo ha mutato profondamente. Un malessere che, come una malattia incurabile, finirà per consumare anche lei. Una dimensione in cui il buio prevale sulla luce, il chiarore ferisce lo sguardo come fosse una lama, il cupo battere di una pendola segna il tempo del non ritorno, uno scricchiolio precede la caduta ed il silenzio l'arrivo della bestia che azzanna e uccide. Una realtà malata dove sarà impossibile spezzare la tensione e da cui sembrerà difficile uscire vivi.

( credit photo: Filippo Manzini )

BIGLIETTI
Intero Ridotto Mini
Platea 29 euro 26,50 euro 23,50 euro
Prima galleria e palchi 25 euro 23 euro 20,50 euro
Prima galleria (visibilità ridotta) 21 euro 19 euro 18 euro
Seconda galleria 21 euro 19 euro 18 euro

BIGLIETTERIA
Teatro Duse - Via Cartoleria, 42 Bologna - Tel. 051 231836 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Dal martedì al sabato dalle ore 15 alle 19 e da un'ora prima dell'inizio degli spettacoli.
On line: teatroduse.it | Vivaticket

 

"Sagre e feste del territorio bolognese": febbraio e marzo tra carnevali, mercati contadini e sagre

E-mail Stampa PDF

CARNEVALE SAN GIOVANNI PERSICETOÈ on line il nuovo numero di "Sagre e feste del territorio bolognese", il calendario curato dalla Città metropolitana. Febbraio e marzo segnano il passaggio dalla fine dell'inverno all'inizio della primavera, con i sapori tipici del territorio legati soprattutto alle feste di carnevale e alla riapertura dei mercati contadini. In particolare, i protagonisti del mese di febbraio sono gli zuccherini e i carnevali del territorio. Tra appuntamenti storici, maschere tipiche e grandi sfilate di carri allegorici, i punti ristoro propongono sfrappole, castagnole, torte e altre dolci specialità.

Fra i carnevali storici segnaliamo quelli di: Pieve di Cento (2, 9 e 16 febbraio), il Carnevale vergatese (9 e 16 febbraio) e San Giovanni in Persiceto, San Pietro in Casale e San Matteo della Decima (16 e 23 febbraio).

Sempre a tema dolce ricordiamo la Festa di Sant'Agata (5 febbraio), dove la cittadina prepara in onore della patrona la tipica brazadèla tèndra (ciambella tenera) e altre specialità come le frittelle di riso. Inoltre, Per la prima volta sarà in vendita il dolce "Papaveri e Papera della Zia", vincitore del concorso "Un dolce per Sant'Agata".

Per gli amanti del salato nell'imolese si festeggiano due storiche "Sagre dei maccheroni": il 25 febbraio a Borgo Tossignano e il 1° marzo a Ponticelli di Imola. A Dozza, invece, ogni domenica ci sono i Banchi d'assaggio in Enoteca.

Le tradizioni locali della lavorazione del maiale si rivivono a Pianoro (22-23 febbraio), Mezzolara di Budrio (23 febbraio) e Monghidoro (1 marzo).

A segnare l'arrivo della primavera vi è il "Lom a merz" (Lume a marzo), antica tradizione contadina che consiste nell'accendere un grande falò con i rametti di potatura per chiedere al mese di marzo di portare la primavera: appuntamenti a Borgo Tossignano, Castel del Rio (29 febbraio), Imola e Marzabotto (14 marzo). Spirito simile anche nell'ormai famosa Festa della Saracca (29 marzo – Oliveto in Valsamoggia) dove tra canti e balli si porta in una scanzonata processione funebre l'aringa, simbolo della penuria invernale ormai agli sgoccioli.

A febbraio inoltre riprendono gli appuntamenti con i mercati contadini del territorio, occasione per acquistare ottimi prodotti stagionali, dall'ortofrutta ai formaggi e alle conserve, sempre con un occhio attento alla qualità e al km zero.

Il calendario completo è sul sito www.cittametropolitana.bo.it/sagrefeste

Redazione

ART CITY Bologna - Art Week. Le inaugurazioni di oggi mercoledì 22 gennaio

E-mail Stampa PDF

ART CITYEntra nel vivo dell'Art Week il calendario delle inaugurazioni previste per oggi nell'ambito dell'ottava edizione di ART CITY Bologna, il programma istituzionale di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere in occasione di Arte Fiera (24 - 26 gennaio).

Di seguito una breve sintesi delle aperture al pubblico previste:

h 17.00 - 20.00
Francesca Ferreri. Gaussiana
Casa Morandi, via Fondazza 36
Periodo di apertura: 23 gennaio - 22 marzo 2020
Mostra a cura di Lorenzo Balbi
Promossa da Istituzione Bologna Musei | Museo Morandi
Sponsor Banca di Bologna

h 18.00 - 20.00
Nicola Toffolini. Un perenne stato del presente fossile
Opening con un intervento performativo di Eva Geatti
Museo di Palazzo Poggi e Biblioteca Istituto delle Scienze, via Zamboni 33
Periodo di apertura: 23 gennaio - 23 febbraio 2020
Mostra a cura di Lorenzo Balbi
Promossa da Istituzione Bologna Musei | MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna in collaborazione con SMA - Sistema Museale di Ateneo
Con il supporto tecnico di RENNER Italia e SIMONSWERK Gmbh

h 19.00 - 22.00
MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, via Don Minzoni 14

Sala delle Ciminiere | AGAINandAGAINandAGAINand
Artisti: Ed Atkins, Luca Francesconi, Apostolos Georgiou, Ragnar Kjartansson, Susan Philipsz, Cally Spooner, Apichatpong Weerasethakul
Periodo di apertura: 23 gennaio - 3 maggio 2020
A cura di Lorenzo Balbi con l'assistenza curatoriale di Sabrina Samorì
Mostra collettiva promossa da Istituzione Bologna Musei | MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna
In co-progettazione con Laminarie
Main sponsor Gruppo Hera, sponsor Unipol
Sponsor tecnico Freak Andò

Collezione permanente | Figurabilità. Pittura a Roma negli anni Sessanta
Artisti: Franco Angeli, Tano Festa, Giosetta Fioroni, Renato Guttuso, Sergio Lombardo, Renato Mambor, Titina Maselli, Mario Schifano, Giuseppe Uncini
Dal 23 gennaio 2020
Riallestimento della prima sala della collezione permanente a cura di Uliana Zanetti e Barbara Secci

Collezione permanente | Claudia Losi. Ossi
Dal 23 gennaio 2020
Installazione a cura di Matteo Zauli
Promossa da Istituzione Bologna Musei | MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna
In collaborazione con Museo Carlo Zauli

Iil programma completo di ART CITY Bologna 2020 è consultabile su: www.artcity.bologna.it | www.artefiera.it

Redazione

ART CITY Bologna 2020, oggi inaugurazione mostra di Donatella Lombardo "Partiture Mute

E-mail Stampa PDF

Donatella LombardoInaugura oggi, martedì 21 gennaio 2020, alle h 18.30, il progetto espositivo di Donatella Lombardo Partiture Mute, Note a margine appositamente concepito per lo Spazio mostre temporanee del Museo internazionale e biblioteca della Musica (Strada Maggiore 34), come Main project di ART CITY Bologna 2020.
La mostra personale - a cura di Uliana Zanetti, con la consulenza scientifica di Anna Rosa Vannoni (Conservatorio di Musica G.B. Martini di BoIogna), Dario Lo Cicero (Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo), Fondazione Adkins Chiti - Donne in Musica - è promossa da Istituzione Bologna Musei | MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna | Museo della Musica in collaborazione con Galleria Spazio Testoni e resterà visibile fino al 23 febbraio 2020.

La mostra di Donatella Lombardo propone un'ulteriore elaborazione del ciclo intitolato Partiture Mute, esposto per la prima volta nella personale Remediation, Digital memory under decostruction alla Galleria Spazio Testoni di Bologna nel 2016. Si tratta di riproduzioni su tela di partiture musicali, tese su piccole strutture convesse sulle quali l'artista sovrappone leggere trame di fili colorati avvolti su spilli e fuselli. Questi lavori sono il risultato di un'indagine compiuta ai margini della storiografia musicale per riscoprire le opere di compositrici poco conosciute, quando non del tutto dimenticate, vissute fra il XII e il XX secolo ed eseguite assai raramente. HiIdegard von Bingen, MaddaIena CasuIana, Francesca Caccini, Barbara Strozzi, IsabeIIa Leonarda, EIisabeth Jacquet de La Guerre, Fanny Hensel, Anna Bon, fra le altre, si sono impadronite di un linguaggio da cui, in quanto donne, erano sostanzialmente escluse, sfidando con determinazione le censure culturali dei tempi a cui sono appartenute.

L'artista interviene non solo per invocare un doveroso risarcimento storico dei loro testi musicali, ma anche per interrogarci sulla loro interpretazione e sul significato del loro recupero con un esperimento di traduzione visiva che tenta di riconsegnarne in chiave spaziale ritmi, cromie, intensità. L'associazione di queste partiture con il ricamo e la tessitura è per Lombardo esito quasi naturale di una ricerca che, fin dai suoi esordi, si è sviluppata prevalentemente attraverso pratiche tessili, ma in questi suoi lavori attesta un altrettanto consolidato interesse per l'evoluzione dei codici linguistici, per i mezzi e i supporti materiali di cui si avvalgono e per il loro impatto sociale nell'organizzazione dei rapporti di dominio.
Dalla musica, dall'artigianato, dalle arti visive, dalla cultura digitale Lombardo estrae saperi e strumenti per esplorare possibilità di innesti e combinazioni, fino a proporre, in questo caso, una notazione personale in cui immagine artistica e composizione musicale coincidono perfettamente.

Donatella Lombardo è nata a Erice nel 1980. Si forma presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna con una tesi dal titolo Geografie dell'immagine. I percorsi del filo e successivamente presso la Facoltà di Lettere e Beni Culturali di Bologna con la tesi La percezione visiva del colore nei dipinti e gli effetti dei nuovi media nel restauro virtuale, premiata da Soroptimist come miglior tesi nell'anno 2012. Partecipa e organizza varie mostre, fra le più recenti collaborazioni si citano quelle con Museo Riso di Palermo, Caos, Centro Arti Opificio Siri, Chisenhale Gallery di Londra e MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna. Nella sua ricerca, l'artista parte dall'arte tessile, linguaggio scelto per raccontare il proprio vissuto, svelando quelle memorie intimamente connesse alle relazioni interpersonali con un viaggio che ha come punto di partenza l'infanzia. Un altro suo campo di interesse è lo studio della percezione in relazione all'influenza delle nuove tecnologie, accompagnato da una approfondita analisi sulla loro evoluzione, terreno d'indagine affrontato dall'artista prima ancora nell'ambito del restauro dei dipinti.

Orari di apertura ART CITY Bologna 2020 - Art Week: martedì 21 gennaio h 18.30 - 20.30 | mercoledì 22 e giovedì 23 gennaio h 10.00 - 18.30 | venerdì 24 e domenica 26 gennaio h 10.00 - 20.00 | sabato 25 gennaio h 10.00 - 24.00. Ingresso nei giorni di ART CITY Bologna 2020 (24/25/26 gennaio): gratuito
Per info: www.museibologna.it/musica | www.artcity.bologna.it

Redazione

 

ART CITY Bologna, dal 17 al 26 gennaio

E-mail Stampa PDF

Logo ArtCityBologna2020L'Art Week che segna l'ottava edizione di ART CITY Bologna, il programma istituzionale di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere in concomitanza di Arte Fiera (24 - 26 gennaio 2020), apre il calendario artistico annuale italiano. Numerose proposte espositive che inaugurano in occasione di questa settimana dell'arte proseguiranno fino a primavera inoltrata, confermando la vocazione alla progettualità e la vitalità che la città esprime nel contemporaneo.

Coordinato dall'Area Arte Moderna e Contemporanea | Istituzione Bologna Musei sotto la guida di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, ART CITY Bologna da sempre riflette la ricchezza e la vivacità espresse nel campo della cultura contemporanea attraverso la messa in rete delle variegate proposte offerte dal sistema di istituzioni pubbliche e organizzazioni private, che in questa città trovano una diffusione particolarmente ampia e consolidata.

Anche quest'anno il pubblico di addetti ai lavori, appassionati e curiosi d'arte, cittadini e turisti potrà immergersi nell'atmosfera di effervescente vitalità che nell'ultimo weekend di gennaio attraverserà Bologna in tutte le sue possibili direttrici e vedrà come catalizzatore policentrico il Main program articolato in un Special project e 22 Main projects tra mostre, installazioni e performance, tutti a ingresso gratuito.

Redazione

PIANO CITY MILANO: ancora poche settimane per iscriversi alla 9° edizione

E-mail Stampa PDF

PCM 2018Le candidature sono aperte fino al 31 gennaio sul sito www.pianocitymilano.it

Dopo il successo di pubblico delle precedenti edizioni, Piano City Milano animerà per il nono anno consecutivo il capoluogo lombardo e i territori limitrofi: durante i tre giorni di festival, la musica dei pianistipartecipanti risuonerà dal centro ai quartieri periferici, dalle piazze alle terrazze dei grattacieli, dai parchi alle case private e in cortili di straordinaria bellezza, dal tramonto all'alba e dall'alba al tramonto. Dal 2011 ad oggi, il festival ha collezionatooltre 2.800 concerti, più di 3.000 ore di musica e coinvolto più di 1.100 location e circa 3.000 pianisti.

Piano City Milano è un progetto di Associazione Piano City Milano con il Comune di Milano, a cura di Ponderosa Music&Art e Accapiù, che vanta la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini.

Fino al 31 gennaio è possibile iscriversi come pianisti, per suonare nelle abitazioni milanesi, in splendidi cortili o in spazi non convenzionali della città; proporre la propria casa (già dotata di pianoforte) o cortile per ospitare un concerto, oppure candidarsi come guest (per realtà a vocazione culturale e/o organizzazioni senza scopo di lucro) con concerti autoprodotti, direttamente sul sito www.pianocitymilano.it/iscrizione.

Per richiedere maggiori informazioni in merito alle candidature è possibile scrivere una email al seguente indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

«Il festival si rinnova di anno in anno con programmi d'eccezione e tanti progetti speciali, che prendono forma dalle proposte che riceviamo e seguono i movimenti di una Milano davvero viva e dinamica – dichiara Ricciarda Belgiojoso, direzione artistica di Piano City Milano - C'è spazio per tutti, giovani talenti e grandi maestri, per i generi musicali più vari e per luoghi di ogni tipo, unica regola il pianoforte. Piano City conferma la sua natura libera e partecipativa e vi invita a far parte della nona edizione di questastraordinaria festa in musica della città».

Piano City Milano nasce nel 2011 come primo festival diffuso della città e contribuisce all'onda di vitalità e alle sperimentazioni urbane e culturali che portanoMilano a diventare la vibrante metropoli europea che è oggi. Fra i fondatori del festival e dell'Associazione, Daniela Cattaneo Diaz e Titti Santini, che hanno sempre creduto nel progetto e costruito una rete di partner sostenitori che negli anni hanno investito in Piano City Milano – nell'immaginare una diversa visione di Milano. Tra i soci fondatoridell'Associazione, anche Manuela Rosignoli e Lorenzo Carni, che curano la direzione esecutiva del festival.

( credit photo: Marco Pleri)

Redazione

Befana solidale al teatro Duse di bologna con "La Regina delle Nevi"

E-mail Stampa PDF

La Regina delle NeviSpettacolo a sostegno della Casa dei Risvegli Luca De Nigris

Come da tradizione, l'Epifania al Teatro Duse di Bologna è nel segno della solidarietà. Domenica 5 e lunedì 6 gennaio 2020, alle ore 17, debutta 'La Regina delle Nevi', il nuovo spettacolo del Fantateatro, scritto e diretto da Sandra Bertuzzi, il cui incasso sarà devoluto alla Casa dei Risvegli Luca De Nigris. L'appuntamento fa parte, infatti, delle iniziative della 22esima edizione della 'Befana di solidarietà per la Casa dei Risvegli Luca De Nigris', innovativa struttura pubblica di assistenza e ricerca sul coma dell'Asl di Bologna, voluta dalla onlus 'Gli amici di Luca' e sostenuta dal Comune felsineo.
Lo spettacolo, liberamente ispirato alla fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen e immerso nella magica atmosfera del Natale, catapulta grandi e piccini nei luoghi incantati del Regno delle Nevi, grazie a magiche scenografie e incantevoli effetti teatrali.
La storia inizia con un malvagio troll, creatore di uno specchio che, da un lato, fa sparire tutto ciò che di bello si specchia in esso e, dall'altro lato, deforma e accentua la cattiveria. A causa di un incidente, lo specchio si rompe. I mille frammenti vengono dispersi per il mondo, entrando negli occhi e nei cuori degli esseri umani. Protagonisti dell'avventura sono Kay e Gerda, due bambini amici per la pelle. Un giorno un frammento dello specchio malvagio entra nell'occhio di Kay. Da quel momento Kay diventa cattivo, con tutti, persino con Gerda. Successivamente, mentre Kay gioca con lo slittino nella piazza del paese, si attacca alla slitta della Regina delle Nevi e viene trascinato via. La Regina lo incanta con un bacio, facendogli perdere la memoria e impedendogli di avvertire il freddo. Gerda, disperata per la scomparsa di Kay, affronterà mille avventure per cercare il suo amico del cuore e liberarlo dal sortilegio della perfida Regina delle Nevi. Uno spettacolo, dunque, per tutta la famiglia, carico di emozione e incentrato sui temi del coraggio e dell'amicizia.
Alla fine dello spettacolo del 6 gennaio verranno premiati i bambini delle scuole di Bologna e provincia che hanno partecipato al concorso 'La Befana dell'amicizia'. Per tutti i piccoli calze in omaggio fino ad esaurimento.

Redazione

A Sasso Marconi si festeggia la Befana con un film e uno spettacolo teatrale per bambini

E-mail Stampa PDF

balloonA Sasso Marconi (BO) i festeggiamenti per l'Epifania iniziano domenica 5 gennaio con un'iniziativa promossa dalla locale sezione del CSI: un'escursione (facile e adatta a tutti) seguita da una festa attorno al falò, con balli, giochi e sorprese in attesa della Befana che, al suo arrivo, donerà una calza a tutti i bambini (nel volantino allegato sono disponibili tutte le informazioni sull'evento di domenica 5).

Nella giornata di lunedì 6 gennaio sono invece in programma due momenti di intrattenimento e spettacolo dedicati ai più piccini.

Si comincia in mattinata con l'ormai tradizionale appuntamento al cinema promosso dall'Amministrazione comunale in collaborazione con la sezione sassese di AVIS, l'Associazione Volontari Italiani Sangue.
Il film dell'Epifania 2020 è "Farmageddon", cartoon che riporta sul grande schermo la simpatica pecora combina-guai Shaun. In questo film un nuovo personaggio entra nel mondo senza parole della pecora più amata dai bambini: si tratta di un misterioso extra-terrestre precipitato con il suo UFO nella fattoria di Mossy Bottom... Insieme agli amici di sempre, Shaun si lancerà in un'avventurosa missione per aiutare la creatura aliena a tornare a casa... riuscirà nell'intento evitando il "Farmageddon" nella fattoria?
Proiezione unica ore 10 c/o il Cinema comunale (Piazza dei Martiri 5). Ingresso gratuito, dolcetti in omaggio ai bambini

Si prosegue nel pomeriggio con "Balloon", spettacolo teatrale adatto a bambini dai 4 anni in poi, con Andrea Meroni e Fabio Lucignano. Si tratta di una produzione di "Collettivo Clown" e "Manicomics Teatro" che, mescolando pantomima, giocoleria e manipolazione di palloncini, proietterà i piccoli spettatori in una dimensione da favola...

Appuntamento alle 16 al Teatro comunale - Ingresso gratuito
Lo spettacolo fa parte della rassegna "Teatro Bimbi" 2019-20, promossa dall'Amministrazione comunale in collaborazione con l'associazione "Cà Rossa".

Nel pomeriggio di lunedì 6 (dalle 15) si festeggia l'Epifania anche al Centro sociale di Borgonuovo: a ricreare un contesto di festa in attesa dell'arrivo della Befana, contribuiranno animazioni, giochi e la merenda a cura dei volontari del Centro sociale.

Nel lungo week-end che culmina con l'Epifania prosegue la programmazione di prima visione del Cinema comunale. Il film del fine settimana è "Cena con delitto", un omaggio ai grandi classici del giallo 'firmato' da Rian Johnson. Si tratta di un mystery ambientato in epoca contemporanea che, tra continui capovolgimenti di scena e un sottile equilibrio tra dramma e comicità, sovverte i cliché del genere, utilizzando la struttura del giallo per delineare un tagliente spaccato dell'America dei nostri giorni.
ORARI: proiezione unica (ore 21) venerdì 3, sabato 4 e lunedì 6 gennaio; tre spettacoli (ore 16 - 18.30 - 21) domenica 5 gennaio - Biglietto d'ingresso: 5 Euro.

Redazione

Crevalcore ospite della trasmissione "Italia da scoprire"

E-mail Stampa PDF

Anteprima all'Auditorium "Primo Maggio"

Venerdì 3 gennaio 2020, alle ore 20,30 presso l'Auditorium "Primo Maggio" (Viale Caduti di Via Fani 300) a Crevalcore, si terrà in anteprima la presentazione della puntata dedicata a Crevalcore di "Italia da scoprire". Sarà un viaggio per scoprire e riscoprire Crevalcore e la bellezza del suo territorio.

La serata sarà anche l'occasione per presentare un appuntamento importante come la "9ª Maratona di Crevalcore", in programma lunedì 6 gennaio, manifestazione agonistica che richiama atleti da tutta Italia e che, da sempre, l'Amministrazione comunale e il Comitato organizzatore hanno voluto come "Memorial 7 gennaio 2005", in ricordo delle vittime dell'incidente ferroviario della Bolognina.

In contemporanea si correrà anche la "Maratonina della Befana" intitolata a Vito Melito, il Campione di Ariano Irpino, ma bolognese di adozione e grande amico di Crevalcore, alle cui manifestazioni sportive non ha mai voluto far mancare la sua presenza.

Le due iniziative agonistiche avranno un loro prologo, non competitivo, domenica 5 gennaio, quando dalla Palestra comunale partirà la "1ª Family Run", con centinaia di podisti attesi al via, e la "1ª Dog Marathon" riservata ai possessori di cani e ai loro simpatici amici a 4 zampe.

Le iniziative sono promosse dall'Amministrazione comunale, dal Comitato organizzatore delle manifestazioni podistiche e dalle realtà commerciali del territorio.

Redazione

Pagina 3 di 61