Ultimo aggiornamento11:42:04 AM GMT

Sei qui: Cultura e Spettacolo

Il “legal thriller” protagonista della 15esima edizione del festival letterario GialloLuna NeroNotte

E-mail Stampa PDF

GialloLuna immagine 2017 Ravenna, dal 28 ottobre al 5 novembre 2017

Ravenna in autunno si tinge di giallo, di nero e di rosso. Nati entrambi nel 2003 GialloLuna NeroNotte e Ravenna Nighmare Film Fest (www.ravennanightmare.it) proseguono prolificamente la loro collaborazione. Il festival più importante in Italia per gli appassionati di cinema di genere e la rassegna di letteratura gialla e noir uniscono le forze e portano in città il lato più misterioso e dark della produzione letteraria e cinematografica contemporanea. Da sabato 28 ottobre a domenica 5 novembre 2017, Ravenna verrà invasa da una moltitudine di appuntamenti, due densi cartelloni, indipendenti ma intersecati: eventi alla mattina, incontri letterari pomeridiani e proiezioni di film in serata.

GialloLuna NeroNotte è pronto a celebrare la 15esima edizione che sarà dedicata al "legal thriller", cioè racconti e romanzi con al centro le figure di giudici e avvocati. "Obiezione, Vostro Onore!", questo il titolo del cartellone, è dunque un omaggio ai 100 anni della nascita di Raymond Burr, insuperato interprete cinematografico di uno fra gli avvocati più famosi del mondo, Perry Mason. Come sempre il Festival offrirà una vetrina sulle novità letterarie del settore, presentando i migliori esordienti della stagione, selezionati insieme alle case editrici nazionali, e con un occhio attento agli autori romagnoli.

Il 28 ottobre, per il primo appuntamento in cartellone, in collaborazione con il Nighmare Film Fest, è in programma un'intera giornata dedicata alla fantascienza italiana, in occasione dei 20 anni del film "Nirvana" di Gabriele Salvatores, con proiezione serale del film. In mattinata si svolgerà una masterclass per gli studenti universitari con lo sceneggiatore Alessandro Fabbri. Fabbri sarà poi protagonista della tavola rotonda dal titolo "Nirvana: gli uomini che fecero l'impresa"; assieme a lui il produttore Massimo Fiocchi e il direttore della fotografia Stefano Della Casa (ore 18).

Sempre in mattinata, invece, alle ore 9 inaugurerà anche la mostra "Avvocati e giudici tra le nuvole", una selezione di riproduzioni che mostra come i fumetti abbiano interpretato la figura del giudice e dell'avvocato dagli anni Trenta a oggi. La mostra è stata realizzata grazie al prezioso contributo della Fondazione Flaminia per l'Università di Romagna.

Nei giorni a seguire sono in programma gli incontri con gli autori, tutti alle ore 18: Valerio Evangelisti, "Eymerich risorge" (Mondadori), a Ravenna per l'intera giornata del 31 ottobre (in mattinata terrà una masterclass per gli studenti universitari, poi alle 18 presenterà il nuovo romanzo); Gianfranco Mascia con "La tua ombra sta ridendo" (Arkadia) e Angelo Berti "Nonaroth" (Watson Edizioni), il 2 novembre; gli scrittori Lorenzo Marone "Magari domani resto" (Feltrinelli) e Nicola D'Agostino "Le sostituzioni" (Adda) il 4 novembre (in mattinata anche per loro masterclass assieme al professor Michele Lupoi, coordinatore del corso di laurea in giurisprudenza, Università di Bologna); Barbara Baraldi, "Aurora nel buio" (Giunti) e Sara Kim Fattorini, esordiente con "La chimica dell'acqua" (Società Editrice Milanese), per un pomeriggio al femminile (5 novembre).

Venerdì 3 novembre alle ore 17.30, prima della serata di gala, sarà proposto un "Omaggio a Sergio (Alan) D. Altieri", prematuramente scomparso il 16 giugno 2017, premio GialloLuna 2016. Saranno presenti, fra gli altri, gli scrittori Annamaria Fassio, Gianluca D'Aquino (autore del romanzo "Partagas"), Michele Catozzi ("Laguna nera), Nicola Verde ("Il vangelo del boia), Franco Forte (scrittore ed editor Giallo Mondadori).

Il Festival ospiterà anche la manifestazione di chiusura della quinta edizione del Concorso per racconti inediti, organizzato insieme alla prestigiosa collana "Il Giallo Mondadori". La premiazione, con gli undici finalisti, avverrà nel corso della Serata di gala del 3 novembre (al Mariani di Ravenna). La serata sarà allietata dalla musica del duo Marco Rosetti - Laura Rosetti.

Il 29 ottobre (ore 18) verrà presentata la casa editrice e libreria specializzata "Bloodbuster", mentre il 1 novembre ci sarà l'appuntamento "Indipendence Day" con la presentazione di case editrici indipendenti, tra le quali Clown Bianco.

Infine, il 30 ottobre (ore 9) verrà inaugurata la mostra "Ravenna in 14 delitti", con le opere degli allievi del Liceo Artistico "Nervi-Severini" (aperta fino all'11 novembre).

Per informazioni: cell. 335 6485088 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.gialloluna.com

La partecipazione a tutti gli incontri con gli autori è gratuita.

Gli incontri sono tutti in programma Palazzo dei Congressi di Ravenna (Largo Firenze).

Redazione

Bologna Fetsival. Questa sera concerto de La Compagnia del Madrigale

E-mail Stampa PDF

Compagnia del Madrigale 2Il ciclo barocco Monteverdi sacro e profano prosegue questa sera, venerdì 13 ottobre ore 20.30, Oratorio di San Filippo Neri, con il concerto de La Compagnia del Madrigale. Tra i migliori ensemble vocali oggi attivi sulla scena europea, propongono una ampia scelta di madrigali di Claudio Monteverdi tratti dai primi sei Libri, oltre a madrigali a sei voci di Giaches de Wert e Luca Marenzio, compositori che ebbero grande influenza sullo stesso Monteverdi.

Il programma "Quell'augellin che canta" offre una scelta di brani in cui ricorrono immagini della natura, scene amorose e scene pastorali. Il canto degli uccelli, il fruscio del vento, la bellezza dei fiori, gli amorosi turbamenti vengono "dipinti" da Monteverdi con una delicatezza e un'intensità impareggiabili, esaltando le immagini poetiche evocate da Petrarca, Ariosto, Tasso e Guarini.


LA COMPAGNIA DEL MADRIGALE.
Il gruppo vocale si è costituito nel 2008 per iniziativa di Rossana Bertini, Giuseppe Maletto e Daniele Carnovich, tutti artisti che da oltre vent'anni si dedicavano al repertorio madrigalistico e alla polifonia sacra. La Compagnia del Madrigale – che conta anche le voci di Francesca Cassinari, Elena Carzaniga, Raffaele Giordani e Marco Scavazza – è oggi uno dei gruppi madrigalistici più accreditati a livello internazionale. All'intensa attività discografica, coltivata sin dagli esordi, l'ensemble ha progressivamente affiancato una considerevole attività concertistica, ospite di festival e istituzioni di assoluto rilievo. Dal festival MiTo al Musikfest Bremen, dalla Wigmore Hall di Londra alla Sala Accademica del Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma. Nell'ambito di una collaborazione con la Radio Svizzera Italiana (RSI) nel 2009 La Compagnia ha registrato L'Amfiparnaso di Orazio Vecchi e il Primo Libro di Madrigali di Palestrina. Negli anni successivi, per la casa discografica Glossa, hanno inciso un'antologia di madrigali su testi dell'Orlando Furioso e il Sesto Libro di Madrigali di Carlo Gesualdo. Nel 2014 pubblicano il Primo Libro di Madrigali a cinque voci di Luca Marenzio – CD premiato con il Diapason d'Or e il Grammophone Award per la categoria "Early Music" – e un triplo CD dedicato ai Responsoria di Carlo Gesualdo. Nel 2015 esce il Quinto Libro di Madrigali a sei voci di Luca Marenzio, CD che ha ottenuto il Diapason d'Or e il Preis der deutschen Schallplattenkritik. Nel 2016 hanno registrato il Terzo Libro di Madrigali di Gesualdo e il primo CD dedicato a Monteverdi, Il pianto della Madonna, un antologia di musica sacra e madrigali in versione spirituale, incisioni premiate col Diapason d'Or. Senza perdere di vista lo studio e l'approfondimento dei repertori madrigalistici particolarmente cari al gruppo – tra cui i programmi dedicati al Canzoniere di Petrarca e ai tre grandi poemi epici Orlando furioso, Gerusalemme liberata e Il Pastor fido – i prossimi progetti vedranno La Compagnia del Madrigale impegnata anche nel campo della produzione musicale sacra. Nel 2017, in occasione dell'anniversario monteverdiano, hanno realizzato una incisione del Vespro della Beata Vergine in collaborazione con Cantica Symphonia e La Pifarescha.

Redazione

Il nuovo l'antico: mercoledì 20 settembre terzo appuntamento con " Stockhausen, dieci anni dopo "

E-mail Stampa PDF

Anna ClementiStockhausen e una prima esecuzione del compositore bolognese Luigi Sammarchi

Mercoledì 20 settembre ore 20.30, Oratorio di San Filippo Neri, terzo appuntamento del progetto Stockhausen, dieci anni dopo - una settimana di concerti dedicati alla musica di Karlheinz Sotckhausen, nel decennale della sua scomparsa. Il soprano Anna Clementi ( in foto ) e il baritono Nicholas Isherwood sono impegnati nell'esecuzione del ciclo vocale Indianerlieder, Canti degli indiani d'America di cui Stockhausen riprende i testi ma non le inflessioni etniche. La vocalità estatica di questi canti d'amore, di guerra o legati al mondo naturale rivive in una dimensione teatralizzata nell'esecuzione realizzata dai due artisti per Bologna Festival. Camminando in cielo (Am Himmel wandre Ich) è il titolo voluto da Stockhausen per l'intera raccolta, cui rimanda immediatamente il primo canto, Traumlied, suggestivo invito a immedesimarsi in un'onirica passeggiata celeste.

Completa il programma della serata l'esecuzione in prima assoluta di Dolce mi è sembrato il mio destino fuggitivo del compositore bolognese Luigi Sammarchi, composizione per voce e live electronics commissionata da Bologna Festival che vede impegnati il soprano Sonia Visentin e Alvise Vidolin per la parte elettronica.

Anna Clementi. Dopo gli studi in flauto traverso, recitazione e canto, Anna Clementi inizia una lunga e proficua collaborazione con il compositore Dieter Schnebel e il gruppo "Die Maulwerker". Il suo repertorio si muove tra musica elettroacustica e sperimentale, canzone contemporanea e cabaret, Sprechgesang e jazz; ha dedicato particolare attenzione allo studio della produzione vocale e teatrale di John Cage. Numerose le esecuzioni in prima mondiale di lavori scritti, tra gli altri, da Aldo Clementi, Helmut Oehring, Dieter Schnebel, Nicola Sani, Rupert Huber, Roberto Paci Dalò. Considerevoli anche le partecipazioni a produzioni di teatro musicale contemporaneo, tra cui l'opera Cassandra di Michael Jarrell, andata in scena a Brno, Berlino, New York e Bologna. Ha inciso Love is a Reason, Fräulein Anni e il Pierrot lunaire di Schönberg. Fa parte dell'ensemble vocale Voxnova Italia; con Daniel Ott e Christian Kesten ha formato il trio Intermission 3, ensemble con cui si dedica all'esecuzione di musica gestuale. Insieme al baritono Nicholas Isherwood nel 2016 ha proposto gli Indianerlieder di Stockhausen, nell'ambito del ciclo "Euroamerica" della Fondazione Vedova di Venezia.

Nicholas Isherwood. Basso-baritono tra i più ricercati a livello internazionale, Nicholas Isherwood è anche compositore e regista oltreché rinomato didatta. Ha lavorato con  arlheinz Stockhausen per 23 anni, eseguendo molti suoi lavori in prima assoluta. Ha interpretato il ruolo di Lucifer nelle prime esecuzioni di Montag, Dienstag e Freitag da Licht alla Scala di Milano e all'Opera di Lipsia; in Donnerstag, sempre da Licht al Covent Garden. Tra i compositori con cui ha collaborato figurano anche Sylvano Bussotti, Elliott Carter, George Crumb, Hans Werner Henze, Mauricio Kagel, György Kurtág, Olivier Messiaen, Giacinto Scelsi e Iannis Xenakis. Voce duttile e multiforme, ha improvvisato al fianco di Steve Lacy, Joëlle Léandre, David Moss e Sainkho Namtchilak. Come regista si è cimentato con Satyricon di Maderna (1990) e ARonne di Berio. Con un repertorio che spazia dalla musica barocca alla contemporanea ha lavorato con direttori quali William Christie, Peter Eötvös, Nicholas McGegan, Paul McCreesh, Zubin Mehta, Kent Nagano, Helmuth Rilling, Gennadi Rozhdestvensky e con registi come Yuri Lyubimov, Tadashi Suzuki, Pier Luigi Pizzi, Sylvano Bussotti. Astrodamors nel Grand Macabre di Ligeti realizzato da La Fura dels Baus e diretto da Zoltán Peskó, ha interpretato il ruolo di Claudio nell'Agrippina di Händel diretta da Nicholas McGegan e quello di Pan nell'Alcione di Marin Marais portata in scena da Les Arts Florissants. Nicholas Isherwood ha inciso una cinquantina di CD ed è autore del volume Techniques of Singing.

Luigi Sammarchi (Bologna, 1962) ha iniziato la sua formazione musicale al Conservatorio di Bologna, dove si è diplomato in pianoforte con Lidia Proietti e in composizione con Adriano Guarnieri. Successivamente si è diplomato in composizione e nuove tecnologie con Alvise Vidolin al Conservatorio di Venezia e ha frequentato una masterclass con Helmut Lachenmann. Nel 2004 ha vinto il Concorso Internazionale di Composizione "Valentino Bucchi" con Polyphonia IV per quattro gruppi orchestrali. Le sue musiche vengono eseguite in importanti istituzioni e festival di musica contemporanea, tra cui la Biennale di Venezia (Alle tacenti stelle, 2012) e la Fenice di Venezia per i progetti dedicati a Bruno Maderna (Dionyso inseguendo l'immagine nello specchio si frantumò nel tutto, 2013), a Luigi Nono (Infinito-Attimo, 2014) e alla nuova musica (E si com'io bevesse al fondo Lethe  ommissione per orchestra). Su commissione del Teatro Comunale di Bologna ha composto Sydereus...canto della lontananza; nell'ambito della rassegna dedicata a Luigi Nono "Resistenza illuminata" ha scritto Un canto lontanando mi stringeva il core (2014-15) su richiesta dell'Università di Bologna. Tra gli interpreti dei suoi lavori figurano Cantus Ensemble, Roberto Fabbriciani ed Ex Novo Ensemble, per cui sta componendo una nuova opera. Nell'ambito del progetto Stockhausen viene eseguito in prima assoluta il brano Dolce mi è sembrato il mio destino fuggitivo per voce e live electronics (20/9/2017).

Sonia Visentin. Voce di soprano, si dedica al repertorio operistico e alla musica contemporanea. Ha interpretato opere di Donizetti, Mozart, Rossini, Meyerbeer, Offenbach interpretando ruoli come la Regina della Notte (Il flauto magico), Lucia (Lucia di Lammermoor) oppure Olympia (Les Contes d'Hoffmann). Ha eseguito in prima assoluta opere di Claudio Ambrosini (Giudizio Universale, Killer di parole), Giorgio Battistelli (Divorzio all'italiana), Adriano Guarnieri (Tenebre, Pietra di Diaspro, Amor che move il sole e l'altre stelle). Tra i direttori con cui ha collaborato si distinguono Alberto Zedda, Donato Renzetti, Daniel Oren, Patrick Fournillier, Evelino Pidò.

Alvise Vidolin. Regista del suono, musicista informatico e interprete Live Electronics, Alvise Vidolin ha curato la realizzazione elettronica e la regia del suono di molte opere musicali collaborando con compositori quali Claudio Ambrosini, Giorgio Battistelli, Luciano Berio, Aldo Clementi, Franco Donatoni, Adriano Guarnieri, Luigi Nono, Salvatore Sciarrino, per esecuzioni in teatri e festival internazionali. Ha partecipato alla fondazione del Centro di Sonologia Computazionale (CSC) dell'Università di Padova, dove svolge attività didattica e di ricerca nel campo dell'informatica musicale sin dal 1974. Cofondatore dell'Associazione di Informatica Musicale Italiana (AIMI), ne è stato presidente dal 1988 al 1990. Dal 1977 collabora con la Biennale di Venezia soprattutto in veste di responsabile del Laboratorio permanente per l'Informatica Musicale della Biennale (LIMB). Dal 1992 al 1998 ha lavorato con il Centro Tempo Reale di Firenze come responsabile della produzione musicale. Dal 1976 al 2009 è stato titolare della cattedra di Musica Elettronica al Conservatorio "B. Marcello" di Venezia. È membro del comitato scientifico della Fondazione Archivio Luigi Nono e socio corrispondente dell'Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti. Svolge inoltre attività didattica e di ricerca nel campo del Sound and Music Computing, studiando le potenzialità compositive ed esecutive offerte dai mezzi informatici e dai sistemi multimodali.

Bitonto balla sulle note di Asso Dj Festival

E-mail Stampa PDF

ASSO dj BITONTOTutto esaurito in piazza Cavour per la serata organizzata da Assodeejay. Ivan M. vince il contest per deejay

La 3^ edizione di Asso Dj Festival è stata un successo più forte anche della pioggia. Venerdì 8 settembre scorso, a Bitonto (BA), piazza Cavour, splendido palcoscenico della manifestazione organizzato da Assodeejay, è stata invasa da oltre un migliaio di persone che hanno ballato sulla musica selezionata dai deejay che si sono esibiti sul palco. Hanno partecipato al contest, inserito all'interno di Asso Dj Festival, 12 deejay. Il vincitore è stato decretato lunedì 11 all'Hegemonya Cafè, dove si è tenuta la manche finale, visto che la manifestazione di venerdì è stata sospesa a causa dell'acquazzone abbattutosi su Bitonto. Si tratta del dj Ivan M., che si è aggiudicato l'opportunità di pubblicare un proprio brano su etichetta Overbeat Records, mentre il secondo classificato è stato premiato da Promusic Bari. Organizzato da Assodeejay-Associazione Nazionale Deejay, Artisti ed Esecutori e da CoopCASM, col patrocinio del Comune di Bitonto, della Città Metropolitana di Bari e Confesercenti Bitonto, lo show dallo scorso anno è entrato a far parte della rete dei festival della Città di Bitonto ed ha avuto un'anteprima giovedì 7 all'Hegemonya Cafè, dove sono stati presentati i concorrenti.

Quest'anno Asso Dj Festival non è stato una semplice gara, ma uno spettacolo che ha esaltato la figura del deejay come artista creativo e compositore. Esempio ne sono stati l' omaggio alla mediterranean progressive a cura di Frankye Polaris, accompagnato da un montaggio video appositamente creato, e una sua speciale versione dell'Habanera dalla Carmen di Bizet nata attraverso la collaborazione con il Bitonto Opera Festival. Sulle sue note, si sono esibite dal vivo la soprano Teresa Tassiello e la ballerina Lucia Saponieri. "Siamo davvero soddisfatti della riuscita della serata. Fino all'arrivo della pioggia tantissime persone hanno ballato e si sono divertite, riempiendo la piazza e apprezzando le esibizioni. Obiettivo di Asso Dj Festival è quello di valorizzare la figura del deejay come professionista che lavora nella legalità e come artista che non si limita alla discoteca: crediamo quest'anno che l'obiettivo sia stato centrato" ha commentato Daniela Tatulli, responsabile di Assodeejay per Bari e provincia. "Quest'anno possiamo ritenerci molto soddisfatti- ha rimarcato Francesco Saponieri (in arte Frankye Polaris), Responsabile Puglia Sud e docente dei corsi di formazione per l'Associazione-abbiamo ricevuto tantissime iscrizioni per la gara e abbiamo avuto un'ottima risposta di pubblico".

Hanno preso parte alla serata, come giudici di qualità, lo speaker radiofonico Cecco Corvasce, il dj Mirko Alimenti, Responsabile Assodeejay per Roma e provincia e Carmine Muscio, Responsabile Puglia Nord e Basilicata. In giuria anche Francesco Saponieri e Vito Schiraldi e Francesco Paolo Cambione per Go Streaming. "Questa serata porta in piazza il culto della legalità applicata al mondo dello spettacolo. I deejay sono musicisti e per me è importante essere qui anche per scoprire qualche talento locale da inserire nei circuiti radiofonici" ha sottolineato Corvasce. Se Cecco Corvasce era l'ospite d'onore della serata, Mirko Alimenti è ormai ospite fisso della manifestazione: "Partecipo ad Asso Dj Festival fin dalla prima edizione. La Puglia per me è ormai una seconda casa. Ho seguito da vicino la crescita di questo evento che quest'anno ha superato le aspettative facendo sì ballare e divertire il pubblico presente nella bellissima piazza di Bitonto, ma presentandosi anche come spettacolo semplicemente da guardare da parte di chi non ama ballare" ha sottolineato Mirko Alimenti. E' intervenuto alla serata anche l'assessore alla Cultura del Comune di Bitonto Rino Mangini, che ha portato i saluti dell'amministrazione comunale.

"Assodeejay ha come mission informare i nuovi professionisti del settore sui diritti e sugli obblighi fiscali e su come svolgere legalmente la professione perseguendo i principi deontologici che la regolamentano- spiega Mario di Gioia, Presidente AssoDeejay- . Inoltre intende portare questa figura professionale al di fuori degli ambienti in cui è di solito contestualizzata, a dimostrazione del fatto che il dj non lavora solo nelle discoteche e la sua opera non è rivolta solo ad un pubblico giovanile. Grazie alle nuove tecnologie, infatti, il dj è un artista in grado di poter creare musica al momento, adeguandosi al contesto in cui si esibisce e alla platea che lo ascolta". "Serate come questa - ha aggiunto Carmine Muscio - sono il veicolo migliore per raggiungere l'obiettivo. Il coinvolgimento diretto è sempre molto efficace".

Redazione

SPIRIT DE MILAN, lo spazio a Milano dal sapore vintage. Appuntamenti del mese di settembre

E-mail Stampa PDF

Spirit de Milan 4Milano. Sarà un settembre ricco di concerti ed eventi per lo SPIRIT DE MILAN, lo spazio a Milano dal sapore vintage, nato nella gloriosa struttura delle Cristallerie Fratelli Livellara (via Bovisasca, 59), la "cattedrale" dove ballare, bere, mangiare e ridere! Un luogo in cui si incontrano la cultura swing, la passione per la bellezza e la tradizione, in cui si celebrano i grandi della tradizione, compreso l'appena scomparso Nanni Svampa, alla riscoperta del fascino di Milano e della "milanesità".

Spirit De Milan si prepara anche ad accogliere lo SWING'N'MILAN che si terrà il 12, 13, 14 e 15 ottobre. Il locale meneghino si trasformerà infatti nella location ideale per dare vita al festival internazionale che catapulterà il pubblico nell'affascinante atmosfera americana dei magici anni '30 e '40. A conferma del successo delle passate edizioni, quest'anno lo SWING'N'MILAN avrà una madrina d'eccezione: NORMA MILLER! "The Queen of Swing" si esibirà in concerto nella eccezionale serata finale, giusto qualche settimana prima di compiere i 98 anni d'età.

Appuntamenti del mese settembre confermati:

Venerdì 1 settembre: BANDIERA GIALLA con il gruppo disco funk anni '70-'80 Pulsation.
Sabato 2 settembre: HOLY SWING NIGHT con Jude Lindy's Swing 5, il cant ante jazz e showman irlandese con la sua formazione reinterpretano i brani anni '20 e '30.
Domenica 3 settembre: la cantautrice napoletana Marian Trapassi, vincitrice nel 2004 del Premio Ciampi.
Martedì 5 settembre: TACCHI, DADI E DATTERI, con Gigi Rock e altre stelle del firmamento cabarettistico al mitico Derby Club.
Mercoledì 6 settembre: CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE
Giovedì 7 settembre: BARBERA & CHAMPAGNE con il "riding tristocomico" della romana Arianna Porcelli Safonov.
Venerdì 8 settembre: BANDIERA GIALLA con la band Mary & The Quants che spazia dal beat e pop italiano ai classici R&B e soul della Motown fino alla musica british.
Sabato 9 settembre: HOLY SWING NIGHT
Domenica 10 settembre: SPIRIT IN BLUES con due musicisti storici del mondo del blues meneghino Angelo Leadbelly Rossi & Max Prandi.
Martedì 12 settembre: TACCHI, DADI E DATTERI con Los Chitarrones e altre stelle del firmamento cabarettistico al mitico Derby Club.
Mercoledì 13 settembre: CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE
Giovedì 14 settembre: BARBERA & CHAMPAGNE con il teatro-canzone Trecital, ovvero Flavio Pirini, Germano Lanzoni (uè figa, il Milan) e Rafael Didoni e le loro canzoni d'autore e umoristiche, i monologhi comici e di satira, le battute a ruota libera e le riflessioni poetiche.
Venerdì 15 settembre: BANDIERA GIALLA con la cover band Funky Town che fa rivivere le canzoni di Otis Redding, Marvin Gaye, Chaka Khan, Stevie Wonder, Michael Jackson, Bruno Mars e tanti altri. Inoltre ci sarà lo speciale appuntamento saremo protagonisti per la seconda giornata del dialetto milanese con il contributo di Marino Zerbin e diversi gruppi portatori della tradizione meneghina.
Sabato 16 settembre: HOLY SWING NIGHT con il sound dei Jumping Jive che spaziano dallo swing più classico ai suoni rivoluzionari del "bebop" con il suo ritmo scattante e frenetico, recuperando gli aspetti più̀ profondi della musica jazz.
Domenica 17 settembre: EXOTIC SOUL POP ROCK con Kumi and The Triumph Of Love, band della cantante e autrice italo-giapponese che miscela rock Anni '70, soul e alt-pop.
Martedì 19 settembre: TACCHI, DADI E DATTERI con, tra gli altri, l'entusiasmante Luca Chieregato e i Fatti Così.
Mercoledì 20 settembre: CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE
Giovedì 21 settembre: BARBERA & CHAMPAGNE con Nadir Scartabelli nel suo classico spettacolo chitarra e voce.
Venerdì 22 settembre: BANDIERA GIALLA con la band di giovani musicisti Re - Beat che ripercorre la beat generation, da Gianni Morandi a Caterina Caselli passando dai Beach Boys fino alle colonne sonore di Pulp Fiction e Pretty Woman.
Sabato 23 settembre: HOLY SWING NIGHT
Domenica 24 settembre: SPIRIT IN BLUES con Banfi e Bazzari band ft. Isabella Casucci. Inoltre, da mezzogiorno è previsto l'arrivo della The 2017 Distinguished Gentleman's Ride, l'iniziativa benefica che coinvolge motociclisti di tutto il mondo per raccogliere fondi contro il tumore alla prostata e il programma di prevenzione al suicidio.
Martedì 26 settembre: TACCHI, DADI E DATTERI
Mercoledì 27 settembre: CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE
Giovedì 28 settembre: BARBERA & CHAMPAGNE
Venerdì 29 settembre: BANDIERA GIALLA con la Street Soul Orchestra che propone arrangiamenti di Otis Redding, Etta James, Sam&Dave, James Brown, Sharon Jones, Amy Winehouse e tanti altri protagonisti del genere Soul.
Sabato 30 settembre: HOLY SWING NIGHT

Dal martedì alla domenica, infatti, allo SPIRIT DE MILAN si alternano 6 serate tutte all'insegna della buona musica - sempre rigorosamente dal vivo - e del divertimento, mentre tanti ospiti raccontano i segreti della Milano nascosta e dimenticata: si comincia il martedì con il cabaret della serata "TACCHI, DADI E DATTERI"; mercoledì è dedicato agli amanti del tango con la serata "CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE"; il giovedì è la volta dell'appuntamento milanese "BARBERA & CHAMPAGNE", alla riscoperta della Milano in bianco e nero fissate nelle istantanee; venerdì spazio al meglio della musica anni 60/70/80, italiana e non solo con la serata "BANDIERA GIALLA"; sabato l'atmosfera cambia con la "HOLY SWING NIGHT", che conferma lo Spirit de Milan come punto di riferimento in Italia della comunità swing internazionale; domenica, infine, via libera al jazz, al blues e all'improvvisazione con "SPIRIT IN BLUES" o "JAZZ 'N' SPIRIT".

Oltre all'ottima musica dal vivo, alle risate e al ballo, allo SPIRIT DE MILAN vengono accontentati anche gli amanti della buona tavola: dall'orario dell'aperitivo a notte fonda, è possibile gustare il meglio dei piatti della cucina milanese "della nonna" circondati dall'atmosfera sincera da "vecchia Milano".

Due le novità dell'estate 2017: la nuova gelateria e la partnership con il Birrificio Angelo Poretti! Allo scoccare del secondo anno di attività, infatti, Spirit de Milan apre le porte a partner che vogliano contribuire attivamente al progetto, consentendo una crescita della qualità nei prodotti e nella realizzazione degli eventi. Il Birrificio Angelo Poretti è il primo con cui Spirit de Milan ha stipulato un accordo annuale: due brand che dialogano nella condivisione di valori, concetti chiave e sogni.

Spirit de Milan è un'associazione di promozione sociale; la tessera annuale non obbligatoria (valida fino al 31 dicembre) prevede un contributo di 15 euro e consente di avere riduzioni sulle serate a pagamento, oltre a dare la possibilità di partecipare ad eventi organizzati ad hoc per i soci.
Le porte aprono alle 19.30, i concerti iniziano intorno alle 22.00.
Tutti i sabati l'ingresso per i tesserati è di 5€ entro le 21.30/10€ consumazione compresa; per i non tesserati è di 7€ entro le 21.30/15€ consumazione compresa.

Il progetto SPIRIT DE MILAN è nato da un'idea di KLAXON srl, già ideatrice del festival SWING'N'MILAN, società nata nel 2000 come studio di progettazione che opera nel campo dell'exhibition design. Tra i suoi obiettivi principali c'è quello di creare eventi tematici che coinvolgano i partecipanti a 360°.

Redazione

Proseguono gli appuntamenti di Trekking col treno, nel mese di settembre otto escursioni

E-mail Stampa PDF

trenoProseguono gli appuntamenti di Trekking col treno che per il mese di settembre propone otto escursioni percorrendo i freschi sentieri dell'Appennino nel week-end.

3 settembre: La Martina

Dal passo della Raticosa, gioia delle moto ma anche dei camminatori, verso il parco La Martina. Ritrovo presso Bologna autostazione alle ore 07,45 per prendere il bus per Frassineta dove è prevista la partenza a piedi alle ore 9,30. Itinerario: Frassineta - Cà Nove - Passo della Raticosa - Monte Canda - Tre Poggioli - Monte Gurlano - Campeggio La Martina - La Palazza. Tempo di percorrenza 7 ore. Grado di difficoltà medio.

9 settembre: Alta via della patata

Escursione con visita al Museo storico di Montese. Itinerario: Tolè - Vedettola - Borricelle - Torre Lussi Pulano - Caseletta - Orrido di Gea – Montese. Ritrovo a Bologna Stazione Centrale Piazzale Ovest alle ore 7,00 per prendere il treno per Pilastrino e poi raggiungere con il bus Tolè da dove è prevista la partenza a piedi alle 8,30. Durata 7 ore. Grado di difficoltà medio.

10 settembre: Lungoreno alla Rocchetta Mattei

Spalle ai monti ed una bella camminata per visitare la bizzarra costruzione del diciannovesimo secolo. Itinerario: Porretta Terme - Poggio Barone - Rivabella - Rocchetta Mattei – Riola. Ritrovo Bologna stazione (piazzale ovest) alle ore 6,50 per prendere il treno per Porretta terme da dove è prevista la partenza a piedi alle 8,25. Durata 7 ore. Grado di difficoltà facile.

17 settembre: Alle sorgenti del Lavino

Alla scoperta di una vallata ricca di interessi, tra vigneti e ceraseti, per una lettura dell'evoluzione del territorio nel corso dei secoli. Itinerario: Osteria Nuova del Pilastrino – Sentiero Cai 209 - I Forchetti - Croce delle Pradole - Montepastore - Via Varsellane - Borra - San Chierlo - Monte Bonzara – Tenuta Bonzara - Rovere - Osteria Nuova del Pilastrino.

Ritrovo a Bologna stazione (piazzale ovest) alle ore 9,00 per prendere il treno per Pilastrino e poi raggiungere con il bus Osteria Nuova del Pilastrino da dove è prevista la partenza a piedi alle 10,05. Durata 7 ore. Grado di difficoltà facile.

23 settembre: Ai Sassi di Rocca Malatina

Ai piedi delle rupi, spettacolari guglie che svettano verso il cielo. Itinerario: Monteombraro Osteria Bassa – Montecorone - Rocca Malatina - Torre del Castellaro - Casa del Parco Sassi di Rocca Malatina - Ronco Nuovo – Zocchetta. Ritrovo a Bologna stazione (piazzale ovest) alle ore 8,00 per prendere il treno per Bazzano e poi raggiungere in bus Monteombraro Osteria Bassa da dove è prevista la partenza a piedi alle ore 10,15. Durata 7 ore. Grado di difficoltà medio.

24 settembre: Il silenzio di Bel Poggio

Ormai tradizionale e doverosa commemorazione della strage di Burzanella, due giorni prima dell'eccidio Marzabotto. Itinerario: Riola - La Scola - Sterpi - Bel Poggio di Burzanella - Lagaro - Cà D'Onofrio - San Benedetto Val di Sambro. Ritrovo a Bologna stazione (piazzale ovest) alle ore 6,50 per prendere il treno per Riola da dove è prevista la partenza a piedi alle ore 8,10. Durata 8 ore. Grado di difficoltà medio.

24 settembre: La Via Lattea

Una passeggiata attorno a Granarolo, per conoscere da vicino il latte e la sua storia. Itinerario: Granarolo - Via Ghiaradino - Via Bolina - Santa Brigida - Cividale - Chiusa - Villa Boselli - Via Calabria Vecchia – Granarolo. Ritrovo a Bologna Piazza dei Martiri alle ore9,20 per prendere il bus per Granarolo da dove è prevista la partenza a piedi alle ore 10,15. Durata 6 ore. Grado di difficoltà facile.

30 settembre: In bici in Val di Zena

Un anello nella valle più amata dai cicloescursionisti alla scoperta della storia e della geologia dell'Appennino bolognese. Itinerario: Pulce - Val di Zena - Zena - Tazzola – lungo valle Idice - San Lazzaro. Ritrovo a San Lazzaro, parcheggio circolo sala Paradiso alle ore 8,30. Durata 7 ore. Grado di difficoltà alto. Prenotazione obbligatoria con SMS al 348 4464534 entro 30 settembre. E' possibile telefonare a ore pasti. Il casco è obbligatorio.

Ricordiamo che prima di partecipare è necessario leggere il regolamento nella sezione "Come partecipare" del sito. In particolare è consigliato un equipaggiamento adeguato, un minimo di allenamento - soprattutto per le escursioni di difficoltà alta - e l'impegno a collaborare con gli accompagnatori e seguire il percorso stabilito senza allontanarsi dal gruppo.

Tutte le informazioni e il programma completo su www.trekkingcoltreno.it

Redazione

Sagre e feste del territorio bolognese, è on line il programma di settembre

E-mail Stampa PDF

"Sagre e feste del territorio bolognese", il calendario delle sagre locali, grandi e piccole, offre l'opportunità di conoscere luoghi suggestivi e assaporare cibi tradizionali nei luoghi tipici di produzione.

Uva e vino sono i protagonisti del programma di settembre, quando le campagne cominciano a profumare di vendemmia. Oltre alle numerose feste dell'uva, ricordiamo la Sagra del vino dei Colli Bolognesi (2-3 settembre, Calderino di Monte San Pietro) e la Festa del Saslà, rara e pregiata uva da tavola tipica della Valsamoggia, protetta Slow Food (2-3 settembre, Sant'Apollinare Valsamoggia).

Fra le manifestazioni 'storiche' segnaliamo dall'8 al 10 settembre la 343a Fira di Sdaz a Pontecchio (Sasso Marconi): nell'affascinante Palazzo de' Rossi prenderà vita un rituale contadino vecchio di 300 anni. Artigiani, artisti, musicanti tra le bancarelle cariche di sdaz (setacci) e altri attrezzi contadini. Ristoranti e stand proporranno prodotti tipici dell'Appennino.

A Medicina dal 15 al 17 settembre si terrà la rievocazione storica "Il Barbarossa" con oltre duemila figuranti, Palio della Serpe, mercato medievale, mostre, spettacoli e punti di ristoro.

Per concludere con le eccellenze segnaliamo gli appuntamenti con due prodotti simbolo del territorio: l'affettato bolognese per eccellenza festeggiato nei luoghi di produzione con Mortadella, please(16-17 settembre, Zola Predosa) e la famosa patata di Tolè (Vergato) protagonista nella 54a Sagra della Patata (24 settembre).

Il calendario completo è scaricabile all'indirizzo www.cittametropolitana.bo.it/sagrefeste

Il formato cartaceo è disponibile presso gli Uffici di informazione turistica, l'URP della Città metropolitana di Bologna, i Quartieri e gli URP dei Comuni del territorio bolognese.

Tutti gli appuntamenti sono inoltre inseriti in Agenda Bologna Metropolitana, consultabile dall'home page del portale.

Redazione

“Giornalisti in Bicicletta” la storia dei Campionati giornalisti

E-mail Stampa PDF

GIORNALISTI IN BICICLETTAUn libro in cui l'autore, Roberto Ronchi, tra aneddoti, risultati e foto inedite ripercorre la storia dei giornalisti ciclisti dal 1893 ai giorni nostri
Non solo cronaca e storie di grandi campioni del ciclismo, che grazie all'inchiostro si trasferiscono dalla strada alla carta facendo sognare i lettori, i giornalisti, da tempo, si confrontano in prima persona con propri campionati, assaporando le soddisfazioni e le delusioni dello sport più bello del mondo. Ed è proprio la storia di questi giornalisti ciclisti, detti anche " Penne veloci " che Roberto Ronchi nel libro "Giornalisti in Bicicletta", edito da Gianni Marchesini Editore, racconta dal lontano 1893 fino ai giorni nostri. Un testo al quale sono stati preziosi i contributi di Marino Bartoletti, Beppe Conti, Italo Cucci e Davide De Zan oltre ai racconti di Alfredo Oriani e Lorenzo Stecchetti.
Leggendo il libro, oltre ai racconti e foto, spesso inediti, ottenuti da un grande lavoro di ricerca storica da parte dell'autore, già nelle prime righe della prefazione:
" Tra giornalisti e bicicletta c'è subito stata una perfetta intesa, per passeggiare, correre, lavorare: il binomio giornalista bicicletta esiste da sempre. Non potevano mancare le sfide in bicicletta tra i giornalisti. Competizioni affrontate con spirito goliardico ma anche con impegno agonistico ........ "
con suono poetico, traspira l'amore e la passione che lo stesso nutre per uno sport che, molte volte, ha segnato anche la storia del giornalismo.

Daniele Baldini

Asso Dj Festival, c'è tempo fino al 25 agosto per iscriversi

E-mail Stampa PDF

DJAi nastri di partenza la 3^ edizione di Asso Dj Festival, il contest nazionale per deejay organizzato da Assodeejay, con il patrocinio del Comune di Bitonto. La manifestazione si svolgerà venerdì 8 settembre in piazza Cavour a Bitonto (BA) a partire dalle ore 19.30. Quest'anno, dunque, Asso Dj Festival fa un'ulteriore passo in avanti, conquistando la piazza principale della città di Bitonto. Una cornice splendida per una serata che avrà l'obiettivo di far divertire e ballare persone di tutte le età. Perchè la musica è per tutti. Presto sarà reso noto il programma della serata.

COME PARTECIPARE
Possono partecipare dj professionisti e non, ambosessi, dai 14 anni in su. Per aderire è necessario inviare entro il 25 agosto il modulo di iscrizione (reperibile sulla pagina Facebook Asso Dj Festival o sul sito www.assodeejay.it, insieme al regolamento completo) all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . La giuria selezionerà i migliori deejay, che si esibiranno l'8 settembre davanti al pubblico di Bitonto, nella serata conclusiva del contest, quando sarà decretato il vincitore. Il regolamento completo è disponibile sulla pagina Facebook Asso Dj Festival e sul sito www.assodeejay.it.

PERCHE' ASSO DJ FESTIVAL
Asso Dj Festival è promosso da Assodeejay-Associazione Nazionale Deejay Artisti ed Esecutori con l’intento di promuovere la figura del dj regolamentata professionalmente dalla legge 4/2013, informare i nuovi professionisti del settore sui diritti e sugli obblighi fiscali e sullo svolgere legalmente la professione perseguendo i principi deontologici che la regolamentano.

Redazione

Pagina 3 di 43