Ultimo aggiornamento11:42:04 AM GMT

Sei qui: Cronaca

La Polizia metropolitana rileva moria di fauna ittica nel torrente Savena

E-mail Stampa PDF

P1010014Accertamenti in corso in zona Ponticella di San Lazzaro

Nei giorni scorsi, grazie alla segnalazione di un volontario che si occupa della pulizia del greto del torrente Savena, in zona Ponticella di San Lazzaro, la Polizia metropolitana è stata allertata circa una moria di pesci in atto. Al loro intervento, gli agenti notavano nelle acque del torrente alcuni pesci già morti mentre altri boccheggiavano o saltavano tentando di uscire. Altri pesci morti venivano rinvenuti sia sulla sponda del torrente che sul fondo.
Nonostante la forte corrente causata dalla copiosa precipitazione atmosferica in atto, la pattuglia della Polizia metropolitana ha risalito il corso del fiume per verificare un'eventuale fonte di inquinamento delle acque, in quel momento non rilevata. Contestualmente gli agenti hanno allertato i servizi di pronta reperibilità di A.R.P.A. Emilia-Romagna e i servizi veterinari dell'Ausl di Bologna al fine di appurare la causa del fenomeno.  Gli accertamenti e le analisi sono tuttora in corso.

Redazione

Bologna. Manifestazione Rom, ( Altra Destra ): iniziativa paradossale. Un museo..con quali soldi ?

E-mail Stampa PDF

Parente BaldiniBologna: In merito la manifestazione nazionale dei Rom e Sinti prevista per domani a Bologna intervengono il Coordinatore Reginale ed il Coordinatore Città metropolitana del neo partito " Altra Destra" Daniele Baldini e Raffaele Parente che rispettivamente dichiarano: " Nulla da eccepire sulla libertà di manifestare ma un limite penso sia doveroso, e questa manifestazione non mi pare appropriata tenuto conto del clima sociale attuale in una città dove le vittime sono i cittadini anche costretti a vivere dietro le sbarre in casa propria con la continua paura di furti e scippi. Noi comunque ci atterremo al divieto di banchetti e contromanifestazioni pur dichiarando la contrarietà a questa manifestazione." Il Coordinatore città metropolitana interviene sulla proposta del museo: " Si parla di un museo, ma con quali soldi ? già i Rom sono sostenuti economicamente dalle tasse dei cittadini e  non credo che gli stessi abbiano anche la voglia di pagargli un museo." Il problema comunque è a livello nazionale – conclude il comunicato Baldini – l'Italia è orfana di un a vera legge che tuteli, cosi come in USA, la violazione della proprietà privata e la legittima difesa .

Redazione

SIULP: revisione presidi e modello sicurezza, occorre delega ordinamentale

E-mail Stampa PDF

FELICE ROMANORoma. La priorità di riposizionare e rivedere i presidi delle Forze di polizia presenti sul territorio, in funzione delle accresciute e diverse esigenze di sicurezza dei cittadini - anche in relazione alle mutate condizioni degli organici e delle risorse disponibili per le Forze di polizia e dello sviluppo delle aree periferiche delle città - è obiettivo strategico da tempo sollecitato dal SIULP e materia già oggetto di studio e di confronto tra le Amministrazioni interessate e il Sindacato.
Lo afferma Romano Felice, Segretario Generale del SIULP ( in foto ) nel commentare le dichiarazioni del Prefetto di Roma in merito alla esigenza di adeguare il modello della sicurezza capitolina in base ai mutamenti urbanistici e sociali che la città ha registrato negli ultimi anni.
La vera sfida delle democrazie avanzate ai giorni nostri è quella di predisporre sistemi di sicurezza avanzati, sinergici e moderni capaci di assicurare sicurezza e libertà di ogni cittadino non dimenticando che, mentre la libertà è un valore assoluto, la sicurezza e una condizione di fruibilità della libertà. Il tutto, ovviamente, dovendo rispettare le compatibilità di bilancio e la sostenibilità del sistema in funzione dei limiti che sono imposti in materia finanziaria al governo. Ecco perché, sottolinea Romano, condividendo quanto affermato dal Prefetto Gabrielli, il SIULP si è fatto portatore di tale necessità al Prefetto Pansa, quale Capo della Polizia e Direttore Generale della P:S:, in modo da procedere ad una rivisitazione dei presidi e delle competenze di tutte le Forze di polizia, anche in funzione degli obiettivi strategici preannunciati dal Governo in seno al Decreto Madia relativo alla riforma della P.A:-
Tuttavia, conclude Romano, pur essendo ottimisti, atteso il lavoro già fatto e il confronto già aperto con il Dipartimento della P.S., per effettuare una rivisitazione efficace, spedita ed economicamente sostenibile, occorre che il Governo ampli la delega di legge, oggi riferita alla sola rivisitazione delle funzioni, anche agli assetti ordinamentali delle Forze di polizia. Giacché senza la riforma delle carriere e degli sviluppi dei ruoli e delle responsabilità, legate alle nuove e più moderne funzioni di ogni appartenente al Comparto sicurezza, si corre il serio e concreto rischio di effettuare un rivisitazione monca e, in quanto tale, dannosa per la sicurezza dei cittadini e dello stesso Paese.

Redazione

G8. SIULP: dibattito parlamantare segua principio emancipazione giuridica e non onda emotiva

E-mail Stampa PDF

FELICE ROMANOSiamo certi, anche per il lavoro sinora svolto, grazie alla loro sensibilità e conoscenza della specificità della funzione delle Forze di polizia, con tutti i gruppi parlamentari, con il responsabile della Consulta Sicurezza del P.D. On.le Fiano e, in primis, con il Presidente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati On. Donatella Ferranti, che il dibattito che si aprirà in aula a Montecitorio sarà caratterizzato dal principio dell'emancipazione giuridica del nostro ordinamento, nel rispetto dei concetti espressi nella convenzione sottoscritta dall'Italia nel 1984 e non dall'onda emotiva scaturita dalla sentenza della Corte di Strasburgo in merito ai fatti della Diaz.
Lo afferma Felice Romano, Segretario generale del SIULP in una nota a commento della sentenza della Corte per la tutela dei diritti umani.
Prevedere un'aggravante specifica per tutte quelle condotte che, per dolo intenzionale, infliggono ad una persona dolore o sofferenze forti al fine segnatamente di ottenere da essa o da terza persona informazioni o confessioni, costituisce il giusto risultato di garantire sia la democrazia e la tutela degli individui che fanno parte di quella società democratica ma anche la necessità di mantenere, nei soli casi espressamente previsti dalla legge, la potestà dell'Autorità di fare uso della forza quando deve contrastare una violenza nell'interesse e per la tutela dei singoli cittadini, della collettività e delle stesse Istituzioni democratiche.
Questo equilibrio, indispensabile per tutelare i diritti dell'uomo ma anche per rafforzare la democrazia, rappresenta la conditio si ne qua non della vera sfida di tutte le democrazie avanzate per garantire sicurezza e libertà che sono e devono restare le due facce della stessa medaglia.
La previsione di un'aggravante specifica che punisca siffatti comportamenti in ogni ambito del nostro vivere quotidiano, oltre che soddisfare la convenzione dei diritti umani risponde, altresì, all'esigenza di punire allo stesso modo anche tutti quei comportamenti altrettanto gravissimi, violenti e lesivi della dignità umana, quali quelli previsti nella convenzione delle Nazioni Unite sull'eliminazione della discriminazione razziale e quelli contenuti nella Dichiarazione sull'eliminazione della violenza nei confronti della donna, accordi questi che pure sono stati sottoscritti dallo Stato italiano.
Ecco perché, conclude Romano, siamo certi che il Parlamento saprà dare la giusta risposta a tutte le esigenze in campo avendo la convinzione che in uno stato democratico l'ago della bilancia tra sicurezza e libertà sarà sempre nel centro anche se con un occhio di riguardo alla libertà.

Redazione

Romano (SIULP), plauso all’antiterrorismo per arresto reclutatori

E-mail Stampa PDF

FELICE ROMANORoma. Esprimo plauso ai colleghi dell'Antiterrorismo e alla Magistratura, per l'operazione che ha portato all'arresto di tre reclutatori di adepti alle organizzazioni terroristiche, che facevano parte di una cellula di estremisti islamici che operava tra l'Italia e i Balcani. Lo afferma in una nota il Segretario Generale del SIULP Felice Romano ( in foto ). 
L'operazione, che ha consentito anche l'applicazione delle misure di sorveglianza speciale previste nel nuovo pacchetto antiterrorismo voluto dal Ministro Alfano, come quelle adottate sinora per i mafiosi, è oggetto anche di soddisfazione perché conferma, come da subito affermato dal SIULP dopo i primi allarmi sul rischio terrorismo, la storica e la riconosciuta capacità del nostro Antiterrorismo e della Magistratura nel contrastare i fenomeni eversivi, a prescindere dalla loro connotazione, che ne fanno un'eccellenza al mondo.
Questa operazione, conclude Romano, dimostra anche che quando la macchina della sicurezza, soprattutto in ambito della prevenzione, è coordinata e raccordata non solo con i presidi territoriali nazionali ma anche con gli omologhi europei i risultati ci sono e sono anche tempestivi.

Redazione

Microcriminalità. "Altra Destra": Bologna come il far west

E-mail Stampa PDF

Parente BaldiniIl  Coordinatore città Metropolitana , Raffaele Parente: " assalti ai bancomat, scippi, furti in appartemento e degrado un bollettino di guerra quotidiano ". Baldini : ma l'Assessorato alla Sicurezza che iniziative ha adottato per contrastare la crescita dei reati in città?

Bologna. " Anche oggi e siamo al bollettino giornaliero dei reati legati alla piccola e grande criminalità, Bologna è diventata la città meno sicura del paese" queste le parole di Raffaele Parente, Coordinatore città metropolitana di Altra Destra, che definisce ormai senza ritorno la situazione della criminalità e degrado in città ed invita i Consiglieri seduti all'opposizione a Palazzo d'Accursio ad attivarsi e promuovere una mozione al fine di portare più operatori delle Forze di Polizia a vivere in città tramite una quota delle case del Comune riservate al comparto sicurezza. Per ridare un senso di vita civile a Bologna l'unica cura è la tolleranza " zero" si inizi dal degrado, tra prostitute e graffiti, fino ad attivare più pattuglie dei Vigili nelle ore notturne a sostegno del lavoro che svolgono le Forze di Polizia. Il Coordinatore Regionale di Altra Destra- Daniele Baldini - a tale riguardo pone una domanda: " ma l'assessore alla sicurezza di Bologna, ad oggi, che misure ha adottato per cercare di contrastare il fenomeno della criminalità e del degrado in città?"

Redazione

Sicurezza: SIULP, serve potenziamento apparato preventivo e info-investigativo

E-mail Stampa PDF

Felice romano 3" Il rischio di infiltrazioni da parte di terroristi nel flusso degli immigrati che giungono sulle nostre coste con i barconi può essere garantito solo con un aumento del personale addetto all'apparato di prevenzione e controllo del territorio oltre che di quello info-investigativo del nostro antiterrorismo che, come noto, è riconosciuto un'eccellenza nel mondo per la professionalità e la sua capacità di individuare e combattere l'eversione e i relativi rischi connessi " afferma Felice Romano ( in foto ), Segretario Generale del SIULP, nel commentare quanto affermato dal Capo della Polizia durante la sua audizione alla Camera.
L'importante e continuo impegno che la Polizia di Stato sta attuando, quasi al limite del proprie potenzialità, proprio per evitare che tra i migranti, che fuggono dai loro paesi perché scenari di guerra, si possano infiltrare terroristi che voglio colpire il nostro Paese, è comunque proporzionato alle risorse disponibili. Ecco perché per avere maggiore certezza che nessun terrorista si infiltri tra i migranti è necessario avere maggiori disponibilità di uomini in campo, proprio come affermato dal Capo della Polizia. Comprendiamo tutto, conclude Romano, ma se la sicurezza viene "tagliata" come se fosse un costo per esigenze di bilancio, a differenza di quanto hanno fatto in Francia o in altri paesi europei, nessuno dica che non era stato informato della necessità di procedere urgentemente ad aumentare le forze in campo per evitare e scongiurare i rischi legati al terrorismo.
E questo, stante la pronta disponibilità di centinaia di giovani che hanno già effettuato e superato sia il concorso che le prove psicoattitudinali per diventare poliziotti, potrebbe concretizzarsi anche in breve tempo con il chiamare ai corsi di formazione proprio questi giovani.

Redazione

Accoltellamento a Parma, Gambarini (FI): "La città è allo sbando"

E-mail Stampa PDF

Francesca GambariniPARMA - In merito l'accoltellamento avvenuto ieri  a Parma, interviene Francesca Gambarini ( in foto) - capogruppo Forza Italia al Comune di Fidenza - che dichiara:  "Parma è allo sbando! Una persona è stata accoltellata su un autobus in via Mazzini, in pieno centro. Dalle prime notizie pare sia molto grave. Si tratta di un fatto di sangue gravissimo avvenuto di pomeriggio e di fronte ad altri passeggeri dell'autobus. Il sindaco Pizzarotti non può continuare a perdere tempo su Twitter e deve prendere in mano la situazione: faccia qualcosa! Ha smantellato tutto quello che era stato fatto dalla passata amministrazione in termini di sicurezza e questi sono i risultati. Sembra il Bronx: agli spacciatori e alla sporcizia, ora dobbiamo anche aggiungere questo episodio di violenza in pieno giorno e in pieno centro. Spero che le forze dell'ordine e la magistratura individuino presto la causa di quanto avvenuto".

Redazione

Sicurezza: SIULP, prioritaria assunzione straordinaria agenti e riordino modello sicurezza

E-mail Stampa PDF

FELICE ROMANOAppello al Presidente Renzi: ascolti parole Prefetto Pansa
Condividiamo e sottoscriviamo le parole del Capo della Polizia quando ieri, in audizione alla Camera dei Deputati davanti alle Commissioni Difesa e Giustizia, ha affermato che per fronteggiare l'allarme crescente dei cittadini circa l'aumento dei reati di grosso impatto sociale e il potenziale rischio legato alla recrudescenza del terrorismo internazionale, occorre aumentare il personale.
Lo afferma Felice Romano ( in foto ), Segretario Generale del SIULP, nel commentare quanto affermato dal Capo della Polizia durante la sua audizione alla Camera.
Faccio appello al Presidente Renzi, continua il leader del SIULP, affinché ascolti le parole del Prefetto Pansa, se si vuole mantenere efficiente ed efficace il sistema sicurezza, soprattutto rispetto alle dure e attuali sfide cui siamo chiamati per continuare a garantire la sicurezza al nostro Paese, per cui necessita una legge che consenta di intervenire su questo terreno anche attraverso un riordino dell'attuale assetto della sicurezza.
Oggi l'esigenza di avere più personale in campo, come affermato dal Capo della Polizia, non è determinata solo dal calo di quelli attualmente in servizio per effetto del blocco del turn over, ma anche perché l'età media è salita vertiginosamente sino a 49 anni mettendo a dura prova la tenuta dell'efficienza dei servizi che devono essere garantiti.
Insieme a questo, però conclude Romano, occorre urgentemente una legge delega per un riordino complessivo del modello della sicurezza che consenta, non la chiusura indiscriminata come si voleva fare sino a pochi giorni fa, ma una revisione dell'intero modello attraverso un percorso che conferisca un nuovo e ulteriore impulso ad un disegno innovativo che, sia sotto il profilo dell'organizzazione (immobili, presidi, mezzi strumentali, tecnologie, semplificazioni) sia di un maggiore coordinamento tra le Forze di polizia, proietti negli anni a venire un modello efficiente capace di rendere ancora più cogente il diritto alla sicurezza e di sostenere i delicati processi riformatori, oltre che le sfide della globalizzazione come l'immigrazione, che attendo l'Italia. In tale direzione, il fattore risorse umane gioca un ruolo peculiare e centrale; ecco perché occorre sviluppare una visione di medio –lungo termine che inverta la crescita dell'età media, con un'oculata e straordinaria previsione di reclutamento, incominciando da coloro che hanno già superato il concorso anche se non sono stati assunti per i limiti di bilancio, e con nuovi modelli di carriere che favoriscano responsabilità, dinamicità ma anche efficienza ed efficacia.
Ignorare questo appello del Prefetto Pansa può configurare "crepe" nella tenuta del modello e quindi della certezza della sicurezza.

Redazione

Pagina 4 di 14