Ultimo aggiornamento02:56:14 PM GMT

Sei qui: Attualità Articoli

Articoli

Pista didattica intitolata a Michele Scarponi per educare i giovani a diventare campioni di civiltà

E-mail Stampa PDF

Pista didattica ScarponiCastefididardo. «Michele aveva il sogno di indossare la maglia rosa e lo ha realizzato. La Fondazione a lui intitolata ha un altro sogno: che nessuno muoia più sulla strada. Ci piace legare il suo nome ad iniziative costruttive come questa perché sulla sicurezza il verbo da coniugare è "fare" e non c'è nulla di meglio che educare i giovani a diventare campioni di civiltà». La commozione di Marco Scarponi è forte quanto la determinazione nel collaborare a progetti istruttivi e a tutela degli utenti deboli della strada come quello ideato dall'Amministrazione Comunale di Castelfidardo tramite il Comando di Polizia Locale: una pista didattica in zona Campanari dotata di segnaletica orizzontale e verticale, tribuna e servizi, in cui gli studenti delle classi IV e V elementare e I media degli Istituti Comprensivi locali ma anche dei Comuni limitrofi, potranno simulare in bicicletta percorsi, situazioni ed insidie reali, sotto la guida per la parte tecnica degli istruttori della Superbike Bravi Platform team e degli Agenti di Polizia Locale per quanto riguarda la preparazione teorica sulle norme basilari del codice della strada in continuità con i progetti di educazione alla legalità da tempo in essere. Una splendida giornata di sole ha incorniciato stamattina la cerimonia del taglio del nastro, festosamente partecipata dalle scolaresche che hanno subito sperimentato la parte pratica e da un nutrito parterre di autorità, forze dell'ordine e amici dell'aquila di Filottrano. «Siamo orgogliosi di avere dato concretezza a questa brillante idea dedicandola ad un'atleta simbolo del territorio, coniugando il dovere delle Istituzioni a sensibilizzare le giovani generazioni su valori importanti, riqualificando nel contempo un'area ormai abbandonata che ora rivitalizza un piccolo quartiere – ha detto il sindaco Roberto Ascani -. E' un punto di partenza per stimolare sempre maggiore attenzione e far sì che la strada sia un luogo di vita e non di tragedie». I numeri elencati da Marco Scarponi, accompagnato nell'occasione dalla mamma, sono eloquenti: «ogni anno le vittime sono così tante che è come se scomparisse un paese di 3500 abitanti, ma in strada non vince chi arriva prima bensì chi rispetta le regole e il prossimo». Un appello condiviso dal presidente dell'associazione vittime della strada Pietro Bonarini: «La libertà dell'uno non deve mai collidere con quella di un altro soggetto: oggi le violazioni non si limitano all'alta velocità ma sono sempre più subdole: basti pensare che nelle scorse settimane su 92 controlli sono emerse 24 persone (1 su 4) alla guida in stato di ubriachezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti». Benedetto dal parroco don Franco Saraceni, apprezzato dai vertici regionali e provinciali della F.C.I. Lino Secchi e Tania Belvederesi, nonché dalle dirigenti scolastiche, dagli uomini della protezione civile, delle forze dell'ordine, dal comandante della Polizia Stradale di Ancona Alberto Giancarli e fra gli altri dai rappresentanti dei Comuni di Filottrano e Camerano Giovanni Morresi e Costantino Renato, la ristrutturazione dell'impianto intitolato a Michele Scarponi è stata finanziata con i proventi delle contravvenzioni. Chi sbaglia paga e ora indirettamente educa. Alle scuola, agli uomini del comandante Franco Gerboni e ai tecnici istruttori della Superbike di Rossano Mazzieri il compito di seguire e far crescere in consapevolezza e responsabilità i ciclisti, patentati e protagonisti del domani.

Redazione

Oltre la Stanza Rosa, a Castenaso riflessioni sulla violenza contro le donne

E-mail Stampa PDF

Tra arte e parole verso la Giornata internazionale del 25 novembre

A giugno Castenaso fu il primo comune metropolitano ad inaugurare la Stanza Rosa all'interno della caserma dei Carabinieri per ricevere donne e minori vittime di abusi e violenze. Il primo tassello di un progetto che vuole aprire una Stanza in ogni Unione di Comuni della città metropolitana.

Ora, in vista del 25 novembre - Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, gli assessorati Pari Opportunità e Cultura del Comune, in collaborazione con il Centro Sociale L'Airone, promuovono una serie di iniziative per riflettere su questo tema sempre nell'ambito del progetto de "la Stanza Rosa".

Si parte sabato 10 novembre con l'inaugurazione della mostra "Dipinti in poesia" di Kate Nuanda. All'inaugurazione (ore 16 a Casa Bondi) saranno presenti gli assessori Elisabetta Scalambra (Pari Opportunità) e Pier Francesco Prata (Cultura) per i saluti istituzionali. I dipinti e i testi poetici, realizzati dall'artista, saranno interpretati dalla voce della scrittrice noir e conduttrice radiofonica Maria Silvia Avanzato. Parteciperà anche Il Coro dello Gnomo. La mostra sarà visitabile fino al 25 novembre, con ingresso gratuito (dal lunedì al venerdì 16-19 e sabato e domenica 10-12.30/16-19).

Mercoledì 14 novembre si terrà la tavola rotonda "Donne, minori, soggetti sensibili, uomini maltrattanti e azioni a sostegno" (ore 20 Centro Sociale L'Airone). Interverranno:
Paola Castagnotto (presidente Centro Antiviolenza Cento Donna Giustizia di Ferrara), Anna Del Mugnaio (dirigente Area Servizi alla Persona dell'Unione Reno Galliera), Maria Caterina Manca (consigliere Comunale e Presidente V Commissione Consiliare Sanità, politiche sociali, sport, politiche abitative del Comune di Bologna), Capitano Martina Panerai (ufficiale psicologo Arma dei Carabinieri), Pietro Piro (sociologo e saggista), Elisabetta Scalambra (assessore alle Pari Opportunità, Politiche della famiglia e Politiche abitative del Comune di Castenaso e Consigliera delegata della Città metropolitana di Bologna a Sviluppo sociale e Pari Opportunità), Anna Strazzari (psicologa, psicoterapeuta Consultorio familiare ausl di Imola), Daniele Stumpo (psicologo psicoterapeuta e Giudice Onorario del Tribunale per i Minorenni dell'Emilia-Romagna - sede di Bologna), Maurizio Stupiggia (psicologo psicoterapeuta e direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Biosistemica - Bologna), Susanna Zaccaria (assessore del Comune di Bologna con delega alle pari Opportunità e differenze di genere, diritti LGBT, Contrasto alle discriminazioni, Lotta alla violenza e alla tratta sulle donne e sui minori).
Verrà proiettato il docu-film "Ma l'amore c'entra" di E. Lodoli alla presenza di Federica Iacobelli, co-sceneggiatrice e Lorenzo Ansaloni, attore. Modera la serata la giornalista Silvia Santachiara.

Infine il 25 novembre, in occasione della giornata internazionale contro la violenza alle donne, verrà presentato il libro "Il corpo violato" di Maurizio Stupiggia. Introduzione a cura di Maria Silvia Avanzato (ore 16 Casa Bondi).

Redazione

Lamborghini Avventura: una spedizione di Urus alla scoperta dell’Islanda

E-mail Stampa PDF

LAMBORGHINI ISLANDASi è svolta in Islanda una nuova tappa di Lamborghini Avventura, la serie di spedizioni Lamborghini alla scoperta dei luoghi e delle strade più spettacolari del mondo. Dopo Andalusia, Transilvania e Norvegia, è stata scelta l'Islanda come destinazione ideale per testare la grande versatilità del Super SUV Urus su strade, sterrati e in paesaggi unici come quelli islandesi.

Prime Lamborghini a toccare il suolo d'Islanda, sette Urus colorate hanno percorso un totale di circa 900 km in due giorni, sotto le più disparate condizioni metereologiche, da sole a raffiche di vento, pioggia e neve. Un viaggio avventura partito dalla penisola di Reykjanes a sud ovest, dove si trova la famosa Laguna Blu, l'area geotermale alimentata dalla produzione di acqua del vicino impianto geotermico di Svartsengi, caratterizzata da piscine di acqua calda dal tipico colore azzurrino.

Dalla laguna il convoglio si è spinto lungo la costa meridionale, toccando mete da sogno: tra queste le scogliere di Krysuvikurberg, dal nome dei due trolls che rappresentano secondo la leggenda, alla spiaggia nera di Reynisfjara, fino al promontorio di Dyrhólaey, con il suo enorme arco naturale di roccia che si protende nel mare, popolato da colonie di pulcinelle di mare che nidificano sulle scogliere e migrano d'inverno.

Impostato il selettore Anima su Terra, le Urus hanno poi sfidato percorsi off road e guadi, dando perfetta dimostrazione della loro guidabilità sui terreni più estremi, come sul tracciato che corre sotto il promontorio di Hjörleifshöfði fino al mare, o quello che conduce al ghiacciaio "nero" di Kötlujökull.

Il viaggio è proseguito attraverso i campi di lava ricoperti di muschio della zona del vulcano Laki, il lago glaciale di Fjallsárlón, all'estremità meridionale del ghiacciaio Vatnajökull, fino alla straordinaria visione della laguna dei ghiacci dello Jökulsárlón, tra iceberg e foche. E infine il ritorno alla capitale Reykjavik, cuore politico, culturale ed economico dell'isola, a restituire scene di civiltà dopo chilometri di natura e silenzio rotto solo dal rombo delle sette potenti Urus.

Redazione

City Angels, raduno dei volontari a Rimini sabato 27 e domenica 28 ottobre

E-mail Stampa PDF

City Angels RiminiI volontari dei City Angels scelgono Rimini per il loro raduno annuale. Centinaia di volontari da tutta Italia e dalla Svizzera confluiranno in città sabato 27 e domenica 28 ottobre per il momento più importante della vita associativa: il raduno generale. I lavori del raduno si svolgeranno sabato pomeriggio e domenica mattina in un salone concesso dal Comune di Rimini: si tratta della Sala Comunale Celle di via XXIII Settembre 1845, al numero 124. Il sabato pomeriggio sarà dedicato alla formazione, mentre la domenica mattina i volontari più meritevoli verranno premiati con il "basco d'oro" o il "basco d'argento". Sabato sera i volontari saranno ospiti della discoteca Monamour, che per l'occasione organizza la "City Angels Night".

I volontari verranno ospitati a prezzo politico nei tre hotel riminesi della famiglia Cimino. Tra cui il Britannia, che ogni inverno ospita decine di senzatetto.

I City Angels, volontari di strada d'emergenza, sono stati fondati a Milano nel 1994 da Mario Furlan, docente universitario di Motivazione e leadership e fondatore del Wilding, l'autodifesa istintiva e mentale. Oggi sono presenti in 19 città italiane e in due svizzere. L'età media dei volontari è 20-45 anni; oltre il 50% sono donne.

Redazione

Dreamforce 2018: Automobili Lamborghini ha lanciato una nuova app in collaborazione con Salesforce

E-mail Stampa PDF

LAMBORGHINI URUSSan Francisco (California). In occasione di Dreamforce 2018, l'evento mondiale annuale  sul CRM tenutosi a San Francisco, Automobili Lamborghini ha presentato "Lamborghini Unica", la nuova app dedicata ai clienti.

Lamborghini Unica incarna l'evoluzione digitale della customer experience: realizzata in collaborazione con Salesforce, azienda leader internazionale nel Customer Relationship Management, questa nuova app offre ai clienti un servizio altamente personalizzato, grazie a touchpoint digitali sapientemente combinati con l'esclusiva brand experience targata Lamborghini. Lamborghini Unica è un viaggio digitale grazie al quale il cliente può gestire la propria vettura e vivere il lifestyle della Casa del Toro attraverso eventi, esperienze e news dedicate.

Le varie funzionalità includono un accesso esclusivo a informazioni che vanno dalle anteprime virtuali private dei nuovi modelli di Sant'Agata Bolognese fino alle immagini in tempo reale relative allo status di produzione del nuovo Super Suv Urus.

"In Lamborghini puntiamo a creare prodotti innovativi senza tempo che al contempo siano la riprova del carattere inimitabile della cultura italiana", ha dichiarato Federico Foschini, Chief Commercial Officer di Automobili Lamborghini. "L'eccellenza, in termini di esperienza, risiede anche nei dettagli ed è per questo che abbiamo scelto Salesforce: per plasmare una customer digital experience straordinaria, che rispecchi il nostro brand."

Redazione

Bologna. Mobilità Sostenibile, 10mila utenti e 900.000 spostamenti Tutti i numeri di “Bella Mossa”

E-mail Stampa PDF

A piedi Citta metropolitanaPriolo e Monesi: "Dati importanti per l'elaborazione del PUMS"

Si è conclusa il 30 settembre la seconda edizione di Bella Mossa, l'iniziativa di promozione della mobilità sostenibile promossa e organizzata dalla SRM - Agenzia della mobilità di Comune e Città metropolitana di Bologna nell'ambito del Pums.
Anche il 2018 ha visto la partecipazione di tanti cittadini bolognesi, che nei 6 mesi da aprile a settembre, hanno deciso di muoversi in modo sostenibile preferendo all'automobile mezzi più ecologici come la bicicletta, il trasporto pubblico o lo spostamento a piedi.

Quasi 10.000 partecipanti hanno registrato 900.000 spostamenti, per un totale di 3,7 milioni di km, pari a quasi 100 volte il giro del mondo, e risparmiando 740 tonnellate di CO2.
Rispetto al boom della prima edizione quest'anno si è registrata una leggera flessione rispetto al numero di partecipanti totali (di questi il 60% si è unito a Bella Mossa per la prima volta) ma si sono dimostrati più "fedeli" nel tempo, rimanendo cioè attivi più a lungo e registrando più chilometri "sostenibili" rispetto all'anno scorso.
Più di 100 gli sponsor ed esercizi commerciali che hanno messo a disposizione sconti e premi per i partecipanti.

Alcuni numeri e statistiche: la componente femminile - con il 60% dei partecipanti - si conferma la più sostenibile; per quanto riguarda l'età, la maggior parte dei partecipanti, 83%, si colloca nella fascia di età lavorativa, fra i 25 e i 65 anni; e circa il 41% è under-35.

Rispetto al "mezzo": a piedi sono stati percorsi 673.000 km in 437.000 camminate, in bicicletta 980.000 km in 300.000 spostamenti e con il trasporto pubblico (autobus e treno) 1,9 milioni di km in 255.000 viaggi.
Tramite un questionario in-app, a cui ha risposto a settembre la quasi totalità dei partecipanti attivi, è emerso che grazie a Bella Mossa il 65% ha ridotto l'utilizzo dell'automobile, il 58% ha utilizzato di più la bicicletta, e quasi l'80% ha camminato di più.

L'edizione 2018 ha visto la riproposizione della Work Challenge - la sfida fra le aziende bolognesi a colpi di sostenibilità - con 53 squadre aziendali e 2.000 lavoratori coinvolti. Nelle tre categorie in gara, i podi sono stati occupati rispettivamente da: Università di Bologna, AUSL e Comune di Bologna (grandi aziende), Mare Termale, ENEA e Zanichelli Editore (medie aziende) e SRM, Ecosurvey e Steer (piccole aziende).

In occasione della Settimana Europea della Mobilità, l'assessore del Comune di Bologna Irene Priolo e il consigliere delegato della Città metropolitana Marco Monesi hanno premiato le scuole primarie vincitrici della School Challenge con buoni spesa per materiale didattico offerti dagli sponsor di Bella Mossa. L'iniziativa - svoltasi nei mesi di aprile e maggio nell'ambito di Bella Mossa - aveva coinvolto 93 scuole primarie di tutta la provincia e 1.250 genitori, in una sfida fra scuole a chi utilizzava maggiormente i mezzi sostenibili per accompagnare i propri figli a scuola.

"Anche quest'anno – è il commento di Priolo e Monesi – oltre al valore educativo e di promozione della mobilità sostenibile di Bella Mossa è importante anche quello statistico. I dati raccolti sugli spostamenti dei bolognesi hanno infatti un valore molto importante ai fini della pianificazione della mobilità futura. Già quelli raccolti nell'edizione 2017 sono stati elaborati ed esaminati per meglio definire il quadro conoscitivo della mobilità bolognese nell'ambito del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS). Grazie a questi nuovi dati si potrà ulteriormente affinare il quadro e consentire una pianificazione mirata e calibrata sulla mobilità reale di Bologna metropolitana".

Redazione

City Angels: al via il corso formazione per diventare volontari

E-mail Stampa PDF

City Angels CorsoInizia il 6 novembre il nuovo corso di formazione per diventare volontari dei City Angels a Milano. Il corso si svolge due sere la settimana, il martedì e il mercoledì, dalle 20 alle 22.30, per quattro settimane. Al termine del corso, un esame valuterà la preparazione dei candidati. Chi lo supererà potrà diventare City Angel.

Il corso si svolge presso la sede associativa in via Taccioli 31, nel quartiere di Affori, a 100 metri dalla fermata della metropolitana di Affori Fn.

Le materie principali sono: primo soccorso, Wilding (autodifesa istintiva. basata su psicologia e prevenzione) e tecniche di squadra (gli Angeli operano in squadre guidate da un caposquadra).

"La cosa più importante è che il candidato abbia lo spirito giusto: che sia una persona coraggiosa ed equilibrata, capace di mantenere calma e sangue freddo anche sotto stress" spiega il fondatore dell'Associazione, Mario Furlan.
I City Angels sono volontari di strada d'emergenza. Aiutano i senzatetto e svolgono un'opera di prevenzione e contrasto della criminalità, in collaborazione con le forze dell'ordine. I volontari sono per oltre il 50% donne. L'età minima è 18 anni, non ci sono limiti massimi. L'età media è 20-45 anni.

Per informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Redazione

Aumento degli iscritti, nuovi servizi e più formazione per l’infanzia in Reno Galliera

E-mail Stampa PDF

NIDO TALETEStanziati 350 mila euro della "Buona Scuola" negli otto comuni dell'Unione

Quest'anno il Ministero dell'istruzione ha destinato ai comuni italiani, in virtù della legge nota come "Buona scuola" (legge 107/2015 decreto attuativo 65/2017), nuove risorse finalizzate a garantire ai bambini e alle bambine pari opportunità di educazione, istruzione, cura (...) superando disuguaglianze e barriere territoriali.

L'Unione Reno Galliera ha investito queste risorse per incrementare l'offerta dei servizi per i bambini 0/3 anni, per sviluppare nuovi progetti e omogeneizzare le rette a carico delle famiglie su tutti gli 8 Comuni dell'Unione.

Annualmente il servizio di Asilo Nido, presente in tutti gli 8 Comuni dell'Unione, ha un costo pari a 3.515.253,28 euro all'anno. Di questi 1.105.726,23 (il 31% della spesa) deriva dalle rette delle famiglie e la rimante somma è a carico del bilancio dei Comuni.

La "Buona Scuola", il provvedimento emanato dal Governo nel 2017, ha stanziato per l'Unione Reno Galliera 350.000 euro.

Parte di questi fondi sono stati utilizzati per rispondere all'aumento di richieste: un numero maggiore di famiglie, infatti, ha scelto quest'anno di iscrivere i propri bambini ai nidi, e una parte delle risorse della "Buona scuola" ha consentito di aumentare i posti disponibili (che passano da 471 del 2017/18 a 496 del 2018/19).

Ma non solo. Nuovi progetti sono stati sviluppati, come il consolidamento di due sezioni riservate ai lattanti che accolgono complessivamente 25 bambini di età compresa tra i sei e i dodici mesi e per i quali è previsto un rapporto educatore/bambino di 1 a 5 (1 educatore ogni 5 bambini) e nuovi progetti si stanno elaborando come la possibilità di organizzare servizi alternativi al Nido durante i periodi di chiusura (vacanze natalizie, pasquali e ponti nel corso dell'anno scolastico).

Infine oggi l'Unione Reno Galliera, oltre a disporre di un unico regolamento per l'accesso e la frequenza dei Nidi, ha unificato il sistema tariffario che è uguale in tutti gli 8 Comuni dell'Unione. Grazie al contributo della Buona Scuola in alcuni Comuni si è attuata una riduzione delle rette. Le rette vengono calcolate applicando il 2% del valore ISEE del nucleo richiedente tra la soglia minima di € 50,00 e le soglie massime previste.

Infine una parte delle risorse è stata investita nella formazione degli educatori e nella qualificazione della didattica.

In ogni servizio 0/3 anni dell'Unione le famiglie possono trovare nel pedagogista una figura di riferimento, che promuove la collaborazione tra scuola e famiglie nell'interesse dei bambini e delle bambine.

A ciò si aggiunge un'offerta educativa che si arricchisce ogni anno di proposte nuove, frutto del lavoro sull'educazione all'aria aperta, sui temi delle neuroscienze e delle potenzialità del gioco libero, sulla continuità educativa per la condivisione di prassi quotidiane ed esperienze che favoriscano il passaggio dal nido alla materna.

Secondo Sergio Maccagnani, Sindaco con delega in Unione alla scuola ed al sociale: "Grazie alle risorse stanziate dal Governo precedente nel 2017, le rette applicate attualmente nei Comuni dell'Unione Reno Galliera sono fra le più contenute del panorama metropolitano. Essere riusciti ad accogliere quasi 500 bambini nel 2018, con oltre 25 bambini in più quest'anno rappresenta un segnale importante per le famiglie del nostro territorio. Il valore educativo del nido, la competenza professionale del personale e il benessere del bambino sono e rimangono obiettivi su cui l'Unione investe, e su cui continuerà a lavorare con la massima cura."

Redazione

Difesa personale, i City Angels organizzano corsi gratuiti a Milano

E-mail Stampa PDF

CITY ANGELS ADDESTRAMENTOUn corso di difesa personale gratuito e aperto a tutti, organizzato dai Municipi 2 e 9 di Milano.

E tenuto da uno che conosce molto bene la materia: Mario Furlan, fondatore dei City Angels e creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva.

«Il Wilding è una difesa personale diversa dalle altre perché non si concentra su tecniche da memorizzare, bensì su principi da interiorizzare - spiega Furlan - Il Wilding è la difesa personale che risveglia il tuo istinto di sopravvivenza. E si basa sulle 2P: psicologia e prevenzione».

Il Wilding è per questo l'autodifesa che imparano i City Angels nel loro corso di formazione.

Il corso di difesa personale organizzato e patrocinato dai Municipi 2 e 9 di Milano si svolgerà in due domeniche consecutive: domenica 16 settembre dalle 10 alle 12 in Piazza Gae Aulenti e dalle 17 alle 19 davanti alla Stazione Centrale e domenica 23 settembre dalle 10 alle 12 presso la Bocciofila della Martesana, in via Rovigno 14, e dalle 17 alle 19 all'ingresso del parco di Villa Litta.

Questi corsi sono stati voluti da Riccardo Truppo, Presidente della Commissione Sicurezza del Municipio 2 e da Enrico Turato, Presidente della Commissione Commercio, Turismo e Bilancio del Municipio 9.

I corsi di autodifesa si svolgono all'aperto, per il massimo realismo. Furlan invita a partecipare con gli abiti che si indossano tutti i giorni: «Vanno bene anche le scarpe con il tacco e la giacca e cravatta, perché dobbiamo saperci difendere vestiti così come siamo in quel momento» spiega Furlan.

Per partecipare basta scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Sarà anche un'occasione per conoscere la realtà filantropica dei City Angels, che nel mese di ottobre iniziano un nuovo corso di formazione. Del quale, ovviamente, la difesa personale istintiva è parte integrante.

Redazione

Pagina 1 di 75