Ultimo aggiornamento11:42:04 AM GMT

Sei qui: Attualità

City Angels, l'Oasi del clochard diventa realtà

E-mail Stampa PDF

Oasi del clochard mercoledì 22 marzo si inaugura il villaggio dei senzatetto

Un sogno diventato realtà: è l'Oasi del clochard, un esperimento nuovo per l'Italia. Per la prima volta, nel nostro Paese, si sperimenta un nuovo modo di accogliere i senzatetto: non nei classici dormitori, grandi edifici con stanzoni da decine di posti letto, bensì in un vero e proprio villaggio: un ampio spazio dove sorgono casette prefabbricate, a mo' di villaggio. Tra queste case esistono già la mensa e l'ambulatorio medico; sta nascendo la biblioteca, nasceranno la palestra e la sala per i corsi di formazione. E ci saranno anche eventi culturali: il primo, in occasione dell'inaugurazione, è una mostra di quadri sul tema dei senza fissa dimora, opera dell'artista Egidio Guarino.

Fino all'anno scorso questo spazio, di fronte al mercato ortofrutticolo, era adibito a campo rom; in meno di due mesi i City Angels lo hanno completamente ripulito e hanno piazzato le prime case.

Oggi nel villaggio abitano una settantina di senzatetto, ma l'assessore ai Servizi sociali Pierfrancesco Majorino ha auspicato che arrivino fino a 300. Tra qualche settimana verranno inaugurate due nuove parti dell'Oasi: quella femminile e quella per gli animali dei senzatetto.

L'Oasi del clochard, frutto della collaborazione tra i City Angels e l'Assessorato ai Servizi sociali del Comune di Milano, verrà inaugurata dall'Assessore Majorino mercoledì 22 marzo a mezzogiorno.

"È un regalo che vogliamo fare agli ultimi e alla città di Milano proprio in occasione della visita del Papa a Milano" spiega Mario Furlan, fondatore dei City Angels. Sarà presente anche il Presidente del Municipio 4, Paolo Bassi. Mons. Franco Buzzi, Prefetto della Biblioteca Ambrosiana, benedirà il villaggio; seguiranno una preghiera musulmana, con l'Imam Mohsen Mouelhi, e un saluto di Raffaele Besso, Presidente della Comunità ebraica di Milano. Saranno presenti anche i testimonial dei City Angels Stefano Chiodaroli, Beppe Convertini, Nino Formicola e Alberto Fortis, e alcuni amici e sostenitori dei City Angels: il presidente di Confesercenti Andrea Painini; il presidente dei Comitati di quartiere, Salvatore Crapanzano; Patrizio Faraci, titolare di Farcaphair, che verrà, con i suoi collaboratori, a tagliare gratuitamente i capelli ai senzatetto; il direttore dell'Ordine degli Avvocati, Carmelo Ferraro; la grafologa Candida Livatino; l'imprenditore Arturo Artom; il Presidente onorario dei City Angels Michele Ferrario Hercolani; il Governatore del Rotary Club, Piermarco Romagnoli, e il Presidente del Lions Club, Maurizio Fleischner; e gli artisti Marco Nereo Rotelli e Maurizio Orrico. Quest'ultimo ha creato alcune casette per i clochard, in stile rinascimentale, che sono presenti nell'Oasi.

Le casette dei senzatetto vengono affittate dai City Angels. Chi vorrà potrà contribuire adottandone una: sulla casa verrà apposta una targa con il suo nome. Ha iniziato Daniela Javarone, madrina dei City Angels: mercoledì inaugurerà "Casa Daniela".

L'appuntamento è dunque per mercoledì 22 marzo, alle ore 12.00, in via Cesare Lombroso, 99 (di fronte al mercato ortofrutticolo e accanto alla massicciata ferroviaria).

I City Angels, volontari di strada d'emergenza, sono stati fondati a Milano nel 1994 da Mario Furlan, giornalista e docente universitario di Motivazione e Crescita personale. Oggi sono presenti in 17 città italiane e a Lugano, in Svizzera, con oltre 500 volontari, di cui il 50,4% sono donne.

Redazione

21 marzo Giornata della Memoria e dell'Impegno contro le mafie

E-mail Stampa PDF

Tanti gli eventi nei Comuni della città metropolitana

Dal 1996 ogni 21 marzo si celebra la Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. L'evento è stato voluto dall'associazione Libera che ha scelto il primo giorno di primavera, giorno di risveglio della natura, come occasione per rinnovare la primavera della verità e della giustizia sociale.

I Comuni della città metropolitana partecipano all'iniziativa con numerosi eventi. Molte Amministrazioni hanno scelto di organizzare il pranzo nelle mense scolastiche con i prodotti biologici dell'associazione Libera Terra, provenienti dalle terre confiscate alla criminalità organizzata.

Tra i molti eventi (sul portale della Città metropolitana il calendario completo) segnaIiamo:

ad Argelato venerdì 24 marzo l'incontro "Mafie sotto casa" serata di approfondimento con Gaetano Alessi. A Bologna, sempre venerdì, seduta solenne del Consiglio comunale con interventi delle giornaliste Angela Iantosca e Graziella Proto.

A Castenaso martedì 21 marzo c'è la Camminata della Legalità. A Casalecchio la "Primavera di Politicamente Scorretto" dura fino al 27 marzo.
San Giorgio di Piano dedica la rassegna "UNOXUNO: un tema per un mese" di marzo alla mafia: in programma la presentazione del libro "Periferie terre forti", del sito "Mafie sotto casa.com" e la mostra fotografica "Ripresi!: i beni confiscati alla criminalità organizzata in Emilia Romagna".
Le Biblioteche del Distretto Montagna hanno dato vita al progetto "Le parole della Legalità", a cui dedicano una giornata di apertura straordinaria sabato 25 marzo.

Redazione

Statistica, i dati sulla popolazione della città metropolitana al 1° gennaio 2017

E-mail Stampa PDF

Stabilmente sopra il milione e in leggero aumento rispetto all'anno precedente

Al 1° gennaio 2017 si stima che la popolazione della città metropolitana di Bologna ammonti a 1.009.268 residenti, di cui 523.530 femmine e 485.738 maschi, complessivamente 3.437 unità in più rispetto all'anno precedente, cioè lo 0,3 per cento.

Gli aumenti maggiori sono stati nei Comuni di Castenaso (+1,8%), San Giorgio di Piano (+1,4%), Ozzano dell'Emilia (+1,3%) e Calderara (+1%).

I residenti con cittadinanza straniera sono 117.875 (pari all'11,7% della popolazione residente) di cui 64.208 femmine e 53.667 maschi. Rispetto al 1° gennaio 2016 sono aumentati di 753 unità.

I residenti di zero anni al 31 dicembre, quindi nati nel 2016 sono circa 7.800, in diminuzione di oltre 200 unità rispetto al 2015: tale calo è dovuto principalmente al diminuire del contingente di donne in età feconda.

Per quello che riguarda le fasce d'età: gli individui di 65 anni e più rappresentano il 24% dei residenti, il 27% ha un'età inferiore ai 31 anni ed il 54% tra i 31 ed i 64 anni; infine i centenari sono 430.

A questi link i dati completi sulla popolazione per Comune e Unione di Comuni e quelli sui cittadini stranieri.

Studi professionali - opertiva in Emilia Romagna la detassazione dei premi di produttività

E-mail Stampa PDF

Confprofessioni Emilia Romagna e le Organizzazioni Sindacali hanno firmato l'accordo territoriale che rende attuativa la detassazione del 10% delle somme legate agli incrementi di produttività

A Bologna, CONFPROFESSIONI Emilia Romagna e le organizzazioni sindacali FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS Emilia Romagna hanno firmato l'accordo territoriale che rende operativa, nella Regione Emilia Romagna, per gli studi e le strutture che adottano il CCNL degli studi professionali sottoscritto il 17 aprile del 2015, la possibilità di applicare, ai dipendenti, le agevolazioni fiscali previste dalla legge di stabilità del 2016, per le voci retributive corrisposte per incrementi di competitività e produttività
L'intesa definisce i principali indici di riferimento quali qualità, efficienza ed innovazione e prevede altresì la possibilità di utilizzare parametri orientati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e allo smart working. L'accordo prevede inoltre la possibilità, per ogni studio professionale, di proporre ulteriori indici che, se condivisi, consentiranno di individuare gli obiettivi più adatti per la propria organizzazione e tipologia di attività lavorativa.
L'agevolazione fiscale, reintrodotta dalla Legge di Stabilità 2016 e modificata dalla legge di Bilancio 2017 , sarà applicabile ai lavoratori che hanno percepito, nell'anno precedente un reddito di lavoro dipendente fino a 80 mila Euro e l'imposta sostitutiva dell'Irpef avrà un'aliquota pari al 10% applicabile alle somme e benefit corrisposti per incrementi di produttività, entro il limite massimo di 3000,00 Euro lordi.

I liberi professionisti rappresentano nella Regione Emilia Romagna una realtà molto significativa, parliamo infatti di circa 85000 liberi professionisti pari al 4,8% del Pil regionale, che formano il tessuto connettivo delle attività economiche e sociali regionali ed un settore in espansione che rappresenta e rappresenterà sempre più un importante bacino di occupazione, prevalentemente femminile e ad alta professionalità. Entrambe le parti hanno espresso pertanto soddisfazione per l'accordo firmato che potrà agevolare lo sviluppo delle strutture professionali più competitive e produttive e premiare i dipendenti in base ad indici oggettivi e condivisi.
Il lavoratore potrà scegliere se percepire il premio di produttività, interamente od in parte, sotto forma, se disponibili, di strumenti di Welfare aziendale o territoriale con le relative agevolazioni fiscali previste dalla normativa.
Si è individuato una procedura snella di attivazione della procedura per semplificare le attività che sia i datori di lavoro che i lavoratori devono eseguire e si è convenuto che tale accordo abbia natura sperimentale in modo che, attraverso un monitoraggio costante, alla fine del biennio di validità, si possano operare tutti i necessari aggiustamenti e modifiche che emergeranno dall'applicazione dell'accordo stesso.

Redazione

Automobili Lamborghini è Top Employer Italia per il quarto anno consecutivo

E-mail Stampa PDF

Lamborghini foto gruppoAssunti oltre 320 dipendenti per il progetto Urus

Automobili Lamborghini conferma nuovamente di essere un datore di lavoro sempre più attrattivo. Si aggiudica per il quarto anno consecutivo la prestigiosa certificazione "Top Employer Italia 2017", riconoscimento assegnato annualmente dal Top Employers Institute alle imprese con eccellenti ambienti di lavoro e avanzate politiche di gestione delle Risorse Umane.

Il raggiungimento di alti livelli di welfare aziendale è espressione di un periodo storico di grande espansione per l'Azienda di Sant'Agata Bolognese, che dal 2018 amplierà la sua gamma prodotto con un terzo modello, il SUV Urus. Sono oltre 320 le assunzioni con contratto a tempo indeterminato effettuate dall'inizio del progetto, di cui oltre 130 nel 2016. La distribuzione si è concentrata in particolare nelle aree produttive e in R&D. I nuovi ingressi hanno portato il numero totale dei dipendenti a quota 1.415 a fine 2016. Questo trend di crescita resta confermato in linea con gli investimenti per il terzo modello, con ulteriori aumenti del numero dei dipendenti.

Stefano Domenicali, Chairman e Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini, commenta: "Essere stati riconfermati Top Employer è il segnale evidente che l'investimento costante nelle nostre persone è un importante strumento per elevare il livello di competitività aziendale. Lamborghini ha davanti a sé prospettive di crescita straordinarie: il nuovo SUV ci sta portando al raddoppio del sito produttivo e dei volumi di vendita. Poter attrarre i migliori talenti con la forza del nostro marchio e investire nel loro sviluppo professionale rappresentano per noi uno strumento fondamentale per poter raggiungere livelli di eccellenza sempre più ambiziosi".

L'attenzione costante rivolta ai propri dipendenti e alle loro famiglie si rispecchia in molteplici attività e iniziative volte a migliorare il benessere delle persone sia sul luogo di lavoro sia al di fuori di esso.

L'attenzione allo stato di salute dei dipendenti Lamborghini passa attraverso campagne di sensibilizzazione su una corretta alimentazione, menu a Km zero e ipocalorici presso il ristorante aziendale, vaccinazioni e screening senologico gratuito per le donne in collaborazione con la LILT (Lega Italiana Lotta Tumori), un'assicurazione sanitaria che prevede il rimborso di visite, esami e ricoveri oltre a pacchetti prevenzione gratuiti per tutto il nucleo familiare. Le dipendenti in gravidanza possono inoltre usufruire di una serie di benefit, come i pacchetti maternità previsti dall'assicurazione sanitaria, parcheggi rosa in azienda, l'integrazione della retribuzione fino al 60% dello stipendio nel periodo di maternità facoltativa, il maternity e paternity kit alla nascita del figlio.

A queste iniziative si aggiungono ulteriori benefit, quali l'utilizzo gratuito di strutture sportive, molteplici convenzioni con asili, centri fitness, attività commerciali e culturali del territorio, oltre a eventi che l'Azienda organizza per i dipendenti e le loro famiglie.

La leva della formazione è un tassello fondamentale e imprescindibile nello sviluppo delle competenze e delle professionalità. E' stato introdotto nel 2016 un nuovo sistema di valorizzazione dei titoli di studio acquisiti e dei permessi retribuiti usufruiti dai dipendenti nel corso dell'attività lavorativa. Sul tema formazione sono inoltre di grande importanza le Partnership con scuole e Università, tra cui l'MIT di Boston e in Italia la Fondazione Bologna Business School.

Le relazioni sindacali in Lamborghini fanno infine dell'Azienda di Sant'Agata un modello virtuoso ispirato al dialogo continuo, alla trasparenza e alla collaborazione tra Impresa e Rappresentanze Sindacali.

Redazione

Cisl Area metropolitana bolognese, parte la stagione congressuale

E-mail Stampa PDF

Al via la stagione congressuale della Cisl. Dopo l'approvazione dei regolamenti congressuali , avvenuta nei giorni scorsi da parte del Consiglio generale della Cisl Area metropolitana, parte un percorso che, ogni quattro anni, parte dal basso con le assemblee nei vari luoghi di lavoro e nei distretti, coinvolge i circa 52.000 iscritti e passa attraverso i congressi delle 18 categorie, per concludersi, quest'anno, il 29 e 30 marzo, con il 2° congresso dell'Area metropolitana bolognese, a Castel San Pietro Terme. A seguire si terranno, poi, il congresso regionale e quello nazionale.

Dalla tornata elettorale uscirà un rinnovato e più giovane gruppo dirigente del sindacato metropolitano, visto che alcuni segretari di categoria sono in scadenza. I nuovi dirigenti saranno chiamati a ruoli di responsabilità per il nuovo assetto organizzativo che, nell'ottica di un rafforzamento della presenza sul territorio, passa attraverso la creazione nell'area metropolitana di quattro grandi zone che coordineranno l'azione del sindacato.

"Generazioni insieme per un futuro di lavoro e dignità", il messaggio scelto per il manifesto congressuale, incarna l'azione che la Cisl ha intenzione di mettere in campo per i prossimi quattro anni: una forte attenzione verso i giovani, l'anello debole dell'odierna società che deve necessariamente passare attraverso la creazione di posti di lavoro, una valorizzazione e una maggiore integrazione dei "nuovi cittadini" che portano valore aggiunto alla nostra società ed una maggiore dignità per gli anziani, coloro che in questi anni hanno dovuto sostenere il reddito di molte famiglie.

"Il percorso congressuale - commenta il segretario generale Danilo Francesconi - è sempre una buona occasione per entrare in contatto con gli iscritti e con le problematiche dei diversi territori. La nostra è un grande organizzazione che, con le sue 30 sedi, copre tutto il territorio metropolitano, ma siamo convinti che per essere più incisivi occorra essere ancora più presenti e radicati sul territorio, ecco perché avvieremo la creazione di un nuovo assetto organizzativo con risorse indirizzate verso le periferie".

"Da un punto di vista politico - prosegue il segretario- come sempre scegliamo di stare dalla parte di chi propone e di chi individua soluzioni, ecco perché saremo presenti su tutto il territorio metropolitano per le contrattazioni che riguardano il welfare, la sanità ed i tributi, così come continueremo ad incalzare le istituzioni a favorire gli investimenti di nuove imprese attraverso una fiscalità agevolata, adeguate infrastrutture del territorio e politiche sociali di supporto".ù

Redazione

Il Lamborghini PoloStorico a Rétromobile 2017 con la prima 350 GT restaurata

E-mail Stampa PDF

Lamborghini 350GTIl Lamborghini PoloStorico si presenta per la prima volta a Rétromobile 2017, il salone internazionale dedicato alle vetture classiche in programma a Parigi dall'8 al 12 Febbraio. Sullo stand è esposta per la prima volta al pubblico la Lamborghini 350 GT dal telaio numero 0121, uno dei primi 15 esemplari prodotti da Automobili Lamborghini e la prima 350 GT ad essere restaurata dal PoloStorico.

Sono state 1150 le ore impiegate per il restauro di carrozzeria e interni, a cui si sono aggiunte 780 ore per i controlli delle funzionalità meccaniche ed elettriche. Queste lavorazioni hanno riportato l'esemplare alla sua bellezza originaria nel rispetto di una filosofia di restauro ben precisa. Il Lamborghini PoloStorico opera cercando di mantenere il più possibile l'originalità delle vetture: gli interventi conservativi prevedono l'utilizzo esclusivo di ricambi originali Lamborghini, in alcuni casi appositamente ricostruiti. Il processo di ricostruzione dei ricambi è valorizzato, dove possibile, dalla ricerca dei fornitori storici e dall'utilizzo dei disegni tecnici e dei progetti originali.

Per la 350 GT esposta a Rétromobile 2017, particolare attenzione è stata rivolta alla ricostruzione del circuito di raffreddamento motore, del circuito freni e del circuito benzina, per garantire sicurezza e autenticità. La prova su pista, eseguita al termine del processo di restauro, ha rivelato un ottimo bilanciamento e un buon assetto generale; il cambio è risultato estremamente preciso e l'impianto frenante, anche sotto lo stress da pista, ha manifestato efficacia ed affidabilità.

Gli interni in pelle nera sono stati rinnovati impiegando i procedimenti classici dell'epoca, mentre il volante in legno e i pedali originali dell'acceleratore, della frizione e del freno sono stati restaurati mantenendo i piccoli segni dell'usura del tempo. Anche la radio della vettura è quella originale, tuttora perfettamente funzionante, proprio come nel 1964 quando venne consegnata al primo proprietario.

La verniciatura è stata effettuata utilizzando le stesse tecniche e la stessa formula della miscela nitroacrilica originale, che ha contribuito a conferire alla vettura un'eleganza particolare, accentuandone le linee.

I cerchi originali sono stati restaurati e autenticati dal fornitore dell'epoca, Ruote Borrani di Milano, e, come nel primo allestimento, montati con pneumatici Pirelli Cinturato 205 R15.

Fregi e marchi originali conservati con cura dall'appassionato proprietario completano l'autenticità dell'intera vettura.

Si tratta del quarto progetto di restauro completo curato da Lamborghini PoloStorico, dopo una Miura, una LM002 e una Countach. PoloStorico, la divisione specializzata nella cura del patrimonio storico della Casa del Toro, concentra le proprie attività in quattro settori chiave: restauro, gestione dell'archivio, certificazione e fornitura di ricambi originali tramite il reparto After-Sales Lamborghini e la rete dei concessionari, al fine di preservare il valore dei veicoli. Lamborghini vanta un magazzino ricambi che copre più del 70% del parco di modelli storici Lamborghini ed è in grado di fornire anche componenti su richiesta.

La Lamborghini 350 GT

Dopo la presentazione del prototipo 350 GTV al Salone dell'Auto di Torino del 1963, la Lamborghini 350 GT fece il suo debutto al Salone di Ginevra del 1964, lanciando definitivamente il marchio Lamborghini sul mercato mondiale con un modello GT.

Il motore 12 cilindri in lega di alluminio della 350 GT, evoluzione del prototipo GTV, venne adattato per una clientela sofisticata ed esigente, generando 270 CV con la sua cilindrata da 3464 cc. Il cambio ZF a cinque rapporti, il differenziale Salisbury e le sospensioni indipendenti sulle quattro ruote con freni Girling erano alloggiati all'interno di una carrozzeria in alluminio. Prodotta inizialmente con un sistema di lubrificazione a carter secco, quest'ultimo venne poi sostituito con un carter umido, riconoscendo la vocazione da strada, piuttosto che da pista, di un modello ad alte prestazioni come la 350 GT.

La prestigiosa Carrozzeria Touring riprogettò il veicolo, conservando le linee e il carattere del prototipo GTV proposto in origine da Franco Scaglione – elegante, ma allo stesso tempo aggressivo. Per molti appassionati, la 350 GT rimane ancora la più elegante tra le creazioni Lamborghini.

Redazione

Automobili Lamborghini sceglie il Gruppo Bonaldi come partner commerciale su Milano

E-mail Stampa PDF

Lamborghini-BonaldiIn ottica di rafforzamento della sua presenza sul mercato italiano, Automobili Lamborghini ha individuato nel Gruppo Bonaldi il suo nuovo partner commerciale su Milano. A partire dal mese di febbraio la società bergamasca, già partner di Lamborghini dal 2008 con la concessionaria di Bergamo, avvia le attività commerciali e di assistenza post-vendita presso la nuova sede di Via Renato Serra 61 a Milano. L'inaugurazione ufficiale alla presenza del Chairman e Chief Executive Officer di Lamborghini, Stefano Domenicali, è prevista il prossimo 23 marzo.

Il nuovo showroom milanese di Lamborghini sul territorio italiano si aggiunge ai punti vendita di Bologna e Bergamo. A livello mondiale Lamborghini è presente in 50 paesi con un totale di 135 concessionari.

L'apertura di uno showroom a Milano rappresenta un passo strategico nell'ambito del piano di espansione di Lamborghini sul mercato italiano, che sta registrando positivi segnali di ripresa. Nel 2016 Lamborghini ha consegnato 73 vetture in Italia, registrando un aumento del 12% rispetto all'anno precedente. Il 2017 si è aperto con ulteriori prospettive di crescita, confermate da un interesse in costante aumento sui modelli Huracán e Aventador e la forte attesa del SUV in arrivo nel 2018. Grazie al piano di espansione della rete commerciale in Italia e alla presenza strategica su Milano, la Casa di Sant'Agata Bolognese punta a chiudere il 2017 con la consegna ai clienti di oltre 100 Lamborghini.

Gruppo Bonaldi
Il Gruppo Bonaldi è una importante realtà commerciale nel settore automobilistico italiano. Vanta un fatturato consolidato che supera i 300 milioni di euro, la vendita di oltre 250.000 automobili in quasi sessant'anni di attività, e la collaborazione di circa 300 dipendenti e di 15 rivenditori autorizzati esterni.
Il Gruppo Bonaldi, con 12.000 veicoli venduti ogni anno, rappresenta otto marchi distinti con una propria struttura organizzativa e commerciale: Lamborghini, Porsche, Audi, Volkswagen, Škoda, Seat, Volkswagen Veicoli Commerciali, oltre a Supernova Car Outlet punto di riferimento nel mercato dell'usato di qualità.
Da oltre vent'anni Bonaldi, con un consolidato posizionamento tra i brand premium e luxury, corre in pista con una sua scuderia, Bonaldi Motorsport. Il Team del Gruppo è impegnato nel monomarca Lamborghini Super Trofeo, di cui ha vinto il titolo europeo e mondiale per tre anni consecutivi dal 2014 al 2016, e, dal 2016 nel campionato tedesco ADAC GT Masters.
Il Gruppo Bonaldi è presente a Bergamo – dove ha il quartier generale – a Milano, Cremona, Lecco e Sondrio.

Automobili Lamborghini sceglie il Gruppo Bonaldi come partner commerciale su Milano

E-mail Stampa PDF

Lamborghini-BonaldiIn ottica di rafforzamento della sua presenza sul mercato italiano, Automobili Lamborghini ha individuato nel Gruppo Bonaldi il suo nuovo partner commerciale su Milano. A partire dal mese di febbraio la società bergamasca, già partner di Lamborghini dal 2008 con la concessionaria di Bergamo, avvia le attività commerciali e di assistenza post-vendita presso la nuova sede di Via Renato Serra 61 a Milano. L'inaugurazione ufficiale alla presenza del Chairman e Chief Executive Officer di Lamborghini, Stefano Domenicali, è prevista il prossimo 23 marzo.

Il nuovo showroom milanese di Lamborghini sul territorio italiano si aggiunge ai punti vendita di Bologna e Bergamo. A livello mondiale Lamborghini è presente in 50 paesi con un totale di 135 concessionari.

L'apertura di uno showroom a Milano rappresenta un passo strategico nell'ambito del piano di espansione di Lamborghini sul mercato italiano, che sta registrando positivi segnali di ripresa. Nel 2016 Lamborghini ha consegnato 73 vetture in Italia, registrando un aumento del 12% rispetto all'anno precedente. Il 2017 si è aperto con ulteriori prospettive di crescita, confermate da un interesse in costante aumento sui modelli Huracán e Aventador e la forte attesa del SUV in arrivo nel 2018. Grazie al piano di espansione della rete commerciale in Italia e alla presenza strategica su Milano, la Casa di Sant'Agata Bolognese punta a chiudere il 2017 con la consegna ai clienti di oltre 100 Lamborghini.

Gruppo Bonaldi
Il Gruppo Bonaldi è una importante realtà commerciale nel settore automobilistico italiano. Vanta un fatturato consolidato che supera i 300 milioni di euro, la vendita di oltre 250.000 automobili in quasi sessant'anni di attività, e la collaborazione di circa 300 dipendenti e di 15 rivenditori autorizzati esterni.
Il Gruppo Bonaldi, con 12.000 veicoli venduti ogni anno, rappresenta otto marchi distinti con una propria struttura organizzativa e commerciale: Lamborghini, Porsche, Audi, Volkswagen, Škoda, Seat, Volkswagen Veicoli Commerciali, oltre a Supernova Car Outlet punto di riferimento nel mercato dell'usato di qualità.
Da oltre vent'anni Bonaldi, con un consolidato posizionamento tra i brand premium e luxury, corre in pista con una sua scuderia, Bonaldi Motorsport. Il Team del Gruppo è impegnato nel monomarca Lamborghini Super Trofeo, di cui ha vinto il titolo europeo e mondiale per tre anni consecutivi dal 2014 al 2016, e, dal 2016 nel campionato tedesco ADAC GT Masters.
Il Gruppo Bonaldi è presente a Bergamo – dove ha il quartier generale – a Milano, Cremona, Lecco e Sondrio.

Pagina 8 di 68